F1, Cina: grande vittoria di Ricciardo. Vettel solo 8°

0

Un Gran Premio deciso dalle strategie ai box, dal consumo delle gomme e dalla Safety Car, ha caratterizzato il primo successo stagionale dell’australiano della Red Bull. Chiudono il podio Bottas e Räikkönen. Gara anonima di Hamilton, 4°, mentre Vettel è sprofondato in 8° posizione a seguito di un contatto con Verstappen.

Dopo una qualifica dominata dalla Ferrari, i piloti del Cavallino Rampante partivano con i favori del pronostico. Invece Ricciardo, capitalizzando nel modo giusto la strategia a 2 soste, è riuscito a ottenere il massimo risultato, cancellando il pessimo esito del Gran Premio del Bahrain della settimana prima.

Alla partenza Vettel è riuscito a mantenere la prima posizione chiudendo in modo brusco Räikkönen all’entrata della prima curva; il finlandese è stato costretto ad alzare il piede ed è stato infilato da Bottas e, successivamente, da Verstappen con un grande sorpasso all’esterno in curva 6.
La classifica vedeva Vettel comandare su Bottas, Verstappen, Raikkonen, Hamilton e Ricciardo quando, al 18mo giro, i piloti Red Bull hanno aperto le danze ai box montando entrambi gomme medie allo stesso giro. Mossa seguita subito dopo da Hamilton, Bottas e Vettel. Grazie a una sosta non perfetta dei meccanici Ferrari e a uno strepitoso ‘out lap’ di Bottas, il finlandese della Mercedes passa al comando. A questo punto il team di Maranello, decide di allungare il primo stint di Räikkönen, provando anche a dare fastidio al leader della corsa. All’inizio del 27mo giro però Bottas, con una grande mossa nelle curve 1 e 2, si porta davanti a tutti; il degrado sulle gomme di Kimi è così grande da costringerlo a rientrare ai box alla fine del giro, decidendo di montare anch’egli le gomme medie.

La partenza del Gran Premio alla curva 3 e 4. Photo Credits: Lat Images

Al 31mo giro però l’episodio che cambia il destino del Gran Premio: Gasly colpisce il suo compagno di squadra Hartley alla staccata della curva 14 e la direzione gara chiama in pista la Safety Car per i troppi detriti in traiettoria. I leader della corsa si accodano alla vettura di sicurezza, quando la Red Bull decide di chiamare entrambi i piloti ai box per passare a un nuovo treno di gomme soft. Questa mossa sarà l’artefice del grande recupero delle due vetture austriache.

Grazie alle gomme Soft nuove, alla ripartenza della gara al 37mo giro, Ricciardo passa subito Räikkönen mentre Verstappen tenta il sorpasso su Hamilton ma l’inglese gli chiude la porta costringendolo ad andare largo alla curva 7. Sorpasso che comunque riuscirà a compiere 3 giri più tardi. Ricciardo prosegue la sua rimonta a suon di sorpassi e si sbarazza di Hamilton, Vettel e Bottas. Poco più indietro l’olandese della Red Bull recupera terreno su Vettel. Verstappen tenta il sorpasso alla staccata del rettilineo più lungo del circuito ma valuta male l’entrata in curva colpendo il ferrarista e provocandone il testacoda. Questa manovra sarà scontata dal pilota Red Bull con 10 secondi di penalità aggiunti al tempo di gara. Entrambi i piloti proseguono ma a rimetterci maggiormente è Vettel, che si ritrova con l’auto danneggiata e con un forte squilibrio aerodinamico che gli fanno perdere man man terreno. Il tedesco non ce l’ha fatta a desistere agli attacchi di un arrembante Alonso ma è riuscito a tenere a bada la Renault di Hülkenberg, terminando così all’8° posto.

Ricciardo taglia il traguardo. Photo Credits: Lat Images

Chiudono la top ten Sainz e Magnussen. Appena fuori dai primi 10 troviamo Ocon e Perez. Un peccato per la squadra indiana che è sembrata poter lottare con la Renault e la Haas per gli ultimi posti a punti disponibili. Non è stata ottima la prova di Vandoorne, 12mo, seguito dalle due Williams di Stroll e Sirotkin.
Ericsson riesce a chiudere ancora davanti a Leclerc, autore anche di un fuoripista in curva 1. Non un ottimo avvio di stagione per il monegasco terminato ultimo anche dietro a Gasly Il francese è stato penalizzato di 10 secondi per il contatto con Hartley, quest’ultimo ritiratosi a 5 giri dalla fine.

Classifica del GP della Cina Photo Credits: Motorsport.com

Share.

Lascia un commento