11° Meeting Ferrari a Praia a Mare: la Calabria si tinge di rosso

0

L’11° Meeting Ferrari a Praia a Mare è stato un evento di gran classe, in cui gli appassionati – possessori e non – del Cavallino Rampante si sono potuti riunire e dar sfogo alla loro passione comune: la Ferrari.

Il primo week-end di Giugno la Calabria, regione conosciuta per il bel mare e dall’eccellente gastronomia, ha avuto l’occasione di tingersi di rosso per tre giorni interi, grazie alle fantastiche supercar della casa del Cavallino Rampante dell’evento organizzato dalla Scuderia Ferrari Club Catanzaro.

Lo stendardo Ferrari domina all’ingresso di Borgo Fiuzzi – fonte: a cura dell’autore

Sono state oltre sessanta le vetture presenti della casa di Maranello provenienti da Toscana, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata Calabria e Sicilia a decorare il residence di Borgo Fiuzzi a Praia a Mare, sulla costa tirrenica calabrese. Modelli unici dalle linee indescrivibili, quasi dei veri e propri gioielli ed opere d’arte – come in molti amano definire queste fantastiche vetture – sono state le protagoniste assolute nelle giornate dall’1 al 3 Giugno.

Come già detto, erano presenti numerosi modelli che ben pochi si sarebbero aspettati di trovare e di osservare così da vicino. Parliamo di vetture quali la famosissima e prestigiosa Ferrari F40, disegnata dalla magistrale matita di Pininfarina e progettata dall’ingegnere Materazzi. Vettura per la quale ho un debole fin da piccolo, ed il fatto di averla lì presente di fronte a me, mi ha donato una gioia indescrivibile!
Oltre alla F40, un’altra vintage car lì presente era la Ferrari 328 GTB. Auto icona di metà anni ’80, famosa per il suo motore trasversale da 270CV di potenza!

Le auto moderne erano molteplici, ma parliamo sempre di modelli abbastanza rari. Tra le oltre 60 vetture, una che mi è saltata subito all’occhio è stata la bellissima e potentissima Ferrai 599-XX con livrea completamente in carbonio! Auto facente parte del programma FXX, deriva dalla normale 599 ma è stata profondamente rivista, privata degli equipaggiamenti e le dotazioni della variante stradale, è provvista di soluzioni e componenti prettamente da corsa. Il motore un V12 da 6 litri, è lo stesso ma con potenza aumentata fino a 730 CV, il telaio è irrigidito da un rollbar e anche l’assetto è stato opportunamente rivisto, la nuova veste aerodinamica permette al corpo vettura di sviluppare un carico aerodinamico di 630 kg a 300 km/h.

Anche la potente 599 XX era presente al Meeting Ferrari – fonte: a cura dell’autore

Altra magistrale vettura dei giorni nostri, era la bellissima 488 GTB erede della 308 GTB, prima Ferrari stradale della storia dotata di V8 posteriore-centrale. Esteticamente l’auto si rifà molto alla 458 Italia (anch’essa presente al Meeting) ma con molte migliorie come il musetto con alettone a cassetto e profili sovrapposti per migliorare l’efficienza termica dei radiatori. Tante migliorie estetiche, apportate da Flavio Manzoni direttore Design del centro stile Ferrari.

I cavalli di queste vere e proprie belve, sono stati lasciati rombare a pieno gas sulla pista da 1975 metri dell’aeroporto di Scalea, durante la giornata del 2 Giugno, dove i possessori delle auto hanno fatto una gara di velocità da 0-100 km/h mettendo a frutto le loro doti da “piloti amatoriali”. I vincitori, sono stati premiati durante la giornata del 3 Giugno. Ma penso che voi lettori abbiate già un’idea di quale auto possa aver vinto!

Le Rosse sulla pista dell’ aeroporto di Scalea – fonte: Ferrari club catanzaro

In separata sede, ho avuto il piacere – per la seconda volta – di intervistare Mimmo Tiriolo presidente della Scuderia Ferrari Club Catanzaro. Qui l’intervista!

E’ la seconda volta che Metropolitan Magazine Italia ha il piacere d’intervistarla. Questa volta in occasione dell’11° Meeting Ferrari e del Memorial Zerilli, un evento so essere molto importante per lei, con un significato molto particolare.

“Il meeting Ferrari è nato undici anni fa. L’evento porta il nome di Luca Zerilli, mio cognato, anche lui grande amante dei motori e della velocità. Da dieci anni dedicato a lui, in suo onore per la scomparsa avvenuta dieci anni fa.”

Mi parli dell’evoluzione, dei traguardi e degli obbiettivi raggiunti grazie a quest’evento, iniziato ben undici anni fa!

“Il primo raduno fu nel 2008, è stato un raduno iniziato per gioco. Ebbimo un discreto successo ed arrivammo a contare ben 35 auto, un bel numero per essere il primo raduno. Di seguito, abbiamo ottenuto la fiducia della concessionaria Radicci, unica concessionaria ufficiale Ferrari in Calabria, Basilicata e Puglia, che ci ha voluto seguire costantemente in questi eventi nel corso degli anni. Abbiamo anche avuto l’appoggio da parte di Ferrari Club Italia. A livello di iscrizioni siamo partiti da un esiguo numero di 50 persone, fino ad arrivare ad essere più di 300 soci e, grazie a questi numeri vantiamo di essere il club con maggior iscrizioni dalla Lombardia in giù. Negli ultimi quattro anni siamo nella classifica dei primi dieci Club al mondo. Due anni fa siamo stati quinto club al mondo e Ferrari ci ha premiato regalandoci l’ala Anteriore della Vettura di Kimi Raikkonen. Per noi è stata una grande soddisfazione, perchè raggiungere questi risultati in Calabria, dove siamo lontani da tutto non è cosa facile.”

L’alettone della F2007 di Kimi Raikkonen, già vista nella Mostra dei Cimeli Ferrari di Dicembre – fonte: a cura dell’autore

Le Ferrari presenti in questo meeting erano molte, sessantadue se non sbaglio, con modelli abbastanza rari. Si aspettava una tale affluenza?

“Da due, tre anni in ogni caso superiamo la quota di cinquanta vetture. Quest’anno sì, abbiamo superato il numero anche grazie al fatto che sono arrivate persone da tutt’Italia. Parliamo di persone provenienti da tutto il Sud Italia e anche da Lazio e Toscana. E’ stato un evento molto massiccio. Le macchine variavano dalla mitica F40, un’auto che ha fatto la storia della Ferrari, i famosi 40 anni Ferrari, l’ultima voluta da Enzo prima della sua morte. Erano presenti quasi tutte le vetture ferrari degli ultimi anni.”

Ricordiamo che gli eventi organizzati da voi sono aperti al pubblico, e per tesserarsi e far parte del vostro club, ed ottenere delle agevolazioni, non bisogna essere possessori di una Ferrari, bensì avere la passione per la Ferrari. Detto ciò, quali saranno i prossimi eventi in cui potremmo ammirare nuovamente queste vetture?

“Come Scuderia Ferrari Club Catanzaro abbiamo un appuntamento il 16 e 17 Giugno a Morano Calabro, nella provincia di Cosenza. Mentre il 6 e 7 Luglio saremo a Sapri, dove sarà presente l’ingegnere Materazzi. Saremo anche a Monza, ovviamente, per il Gran Premio d’Italia. Altro importante appuntamento saranno le Finali Mondiali di Monza, dal 2 al 4 Novembre. Esatto, per entrare a far parte del nostro club non si ha bisogno di possedere una Ferrari, ma come dici tu bisogna essere amanti del marchio Ferrari! Con l’iscrizione si hanno agevolazioni come costi ridotti per il GP d’Italia, sconti sugli Store Ferrari ed inviti agli eventi esclusivi che organizziamo.”

Rimaniamo in tema Ferrari cambiando però argomento. Parliamo del mondiale di F1, quest’anno iniziato con due vittorie di Vettel, seguita dalla vittoria in Cina di Ricciardo, le due vittorie di Hamilton ed infine, la vittoria di Ricciardo nel Principato. Cosa ne pensa di quest’andazzo? 

“Vedo una Ferrari forte, dove poteva rischiare di più a Montecarlo. E’ stata una gara molto monotona e noiosa, a parte quella serie di sorpassi di Verstappen. La vittoria di Hamilton in Azerbaijan è stata fortunatissima, neanche lui sa come è arrivato a podio. Sfortunata invece per la Ferrari dove ha sbagliato a rischiare. In Spagna beh, sappiamo com’è andata, ci sono stati quei 0,4 mm di modifica sulle ruote. A mio avviso è stato un gioco sporco da parte della Pirelli che ha cambiato le regole a campionato iniziato. Vedremo come andremo sul circuito di Paul Ricard in Francia, con la stessa tipologia di pneumatico. Ricciardo è molto bravo, da temere e tenere sotto controllo, ma anche il compagno di squadra Verstappen non scherza. Purtroppo è ancora immaturo.”

Lei ha parlato di Verstappen, ma c’è un altro giovane in F1 che ha appena esordito. Parlo di Charles Leclerc. Cosa ne pensa di lui e del suo futuro?

“Ho avuto la fortuna di conoscere Charles e di fare qualche giro assieme a lui coi kart. E’ molto bravo, ha una guida pulita ed è un pilota che farà strada. Non è Verstappen però, lui ha qualcosa in più. Ma nonostante l’auto, Leclerc riesce a portare a casa ottimi risultati. Il massimo sarebbe avere Verstappen – Leclerc oppure, Leclerc – Fuoco. Un pilota calabrese in Ferrari. Un ottimo pilota, un ottimo ragazzo nostro socio tra l’altro e soprattutto è calabrese! Speriamo si rifaccia quest’anno nel campionato di Formula 2.”

E’ con la simpatica quanto piacevole intervista col presidente Mimmo Tiriolo, che cala il sipario su quest’evento unico nel suo genere, nel territorio calabrese. 

PHOTOGALLERY a cura di Raffaello Caruso 

 

Share.

About Author

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94, da sempre appassionato di motori, e condivido questa grande passione dall'età di 3 anni. Amo le auto, qualunque esse siano, basta che abbiano un buon treno di gomme ed un motore da portare al limite!

Lascia un commento