F2, GP Bahrain – Dominio Norris in gara1

0

L’inglese perfetto dall’inizio alla fine. Doppietta Carlin grazie al secondo posto di Sette Camera. Markelov, che recupero!

Lando Norris si aggiudica la prima gara della stagione, con una gara dominata sin dallo spegnimento dei semafori. Sette Camara con contro sorpasso favoloso si prende la seconda posizione dopo aver lottato con un Markelov capace di giungere terzo dopo essere partito dalla pitlane. Russel nell’ombra dopo la splendida qualifica di ieri. Italiani assenti. Qui la classifica

IL RACCONTO

Dopo la splendida sessione di qualifica di ieri, che ha sorpreso per la straordinaria prestazione dei due rookie Norris e Russel, siamo qui a vedere la prima vera gara della stagione 2018. Dopo il giro di formazione, partenza subito abortita per bandiere gialle segnalate per lo stallo delle vetture di Merhi e Markelov, che dovranno partire dalla pitlane. Dunque, altro giro di formazione.

Partenza C-L-A-M-O-R-O-S-A di Lando Norris, partito a fionda e staccando subito tutti, mentre molti degli avversari diretti, Russel compreso, hanno avuto enormi problemi di pattinamento, con l’inglese della ART costretto a sgomitare con chi seguiva, perdendo tempo e lasciando scappar via la Carlin del connazionale.

Ottima anche la partenza dell’altra Carlin, quella di Sette Camara, che si pone subito in seconda posizione, per poi essere superato dalla Prema di de Vries, autore di un ottimo scatto in cui ha infilato Russel passando molto vicino al muretto per poi sopravanzare Sette Camara.

PHOTO CREDITS: Lando Norris Twitter

Da segnalare il confermato ritiro per Mehri, mentre al quinto giro Markelov, partito dalla pitlane è già undicesimo, mentre Norris ha già oltre 5 secondi di vantaggio. Intanto Russel prova a recuperare posizioni, e lo fa subito su Fukuzumi alla staccata della prima curva senza troppi problemi, dopo però essere stato diversi giri, forse troppi, dietro al pilota del Sol Levante.

Gran botta e risposta per la terza posizione tra Sette Camera e Albon, che nel primo settore al giro 8, si scambiano la posizione diverse volte. Intanto a centro gruppo, Gunther, Boschung e Markelov fanno faville. I primi due quasi al contatti in curva 1, innescano un tentativo di doppio sorpasso del pilota russo, però poi risucchiato prima della staccata successiva, ma in uscita riesce ad affiancare il tedesco e per poco non si prendono alla esse successiva, con Markelov bravissimo a controllare un sovrasterzo che sarebbe potuto essere micidiale per entrambi. Tutto questo ha fatto avvicinare i loro inseguitori, e adesso dall’ottava alla 15esima posizione sembra quasi un gruppo del Giro d’Italia piuttosto che una gara automobilistica.

PHOTO CREDITS: Russian Time Twitter

Mentre Norris viaggia tranquillo ad oltre 10 secondi, subito dietro è bagarre. Forse a causa delle gomme, De Vries viene sopravnzato in poch curve prima da Sette Camara e poi da Albon. Al giro dopo anche Russel completa l’opera, con il pilota Prema che sembra soffrire moltissimo le curve in appoggio del secondo settore.

Contatto in bagarre in curva 1 tra Luca Ghiotto e Makino, situazione che viene posta sotto investigazione dai commissari. Intanto comincia il valzer dei pit stop, con Russel ad essere uno dei primi a rientrare mentre Norris lì davanti viaggia tranquillo mantenendo un ritmo abbastanza costante. Strategia che paga, quella del campione GP3 della passata stagione, visto che in un colpo solo riesce a sopravanzare sia Albon che Sette Camera, che hanno sostituito gli pneumatici “insieme”, per il classico “tra i due litiganti il terzo gode”.

Mentre il leader Norris si ferma per la sosta, rientrando in terza posizione dietro a Boschung e Maini che però devono ancora fermarsi, viene comminata la penalità a Luca Ghiotto per il contatto precedente. Intanto, il collegio dei commissari punisce Fukuzumi con 5 secondi di penalità per aver superato il limite di velocità in pitlane.

Giro 20. Finita la girandola dei pit stop, Norris riprende il comando della gara con circa 10 secondi di vantaggio sul compagno Sette Camera, che però dovrà guardarsi dal ritorno di Russel, che al momento è staccato circa un secondo e mezzo dal pilota della Carlin, che a sua volta si tira dietro Albon. Menzione speciale per Markelov, che dopo essere partito dalla pit lane è in scia a questo nutrito gruppetto per il podio. Che gara per il russo!

Non possiamo però non segnalare la strana dicotomia che sta colpendo la Prema questo week-end. Ieri, qualifica a due facce con De Vries quarto e Sean Gelael diciannovesimo. Proprio adesso invece, l’indonesiano supera l’olandese piazzandosi sesto e portando a 13 le posizioni guadagnate in gara.

PHOTO CREDITS: Sette Camara Twitter

 

Markelov sontuoso, in curva 1 sopravanza Albon con una manovra in stile Ricciardo su Raikkonen a Monza, buttandosi letteralmente all’interno “all’ultimo centesimo di secondo utile”. Intanto a tre giri dalla fine, il russo mette nel mirino anche Sette Camera, per un possibile secondo posto che avrebbe del clamoroso, non che l’eventuale e attuale terza posizione non sarebbe male per come si era messa in partenza.

Duello pazzesco quello tra i due. Al principio dell’ultimo giro, markelov prende l’interno sfiorando le barriere sopravanzando Sette Camera, il quale in un fantastico incrocio di traiettoria in frenata, si riprende sontuosamente la posizione sul russo.

 

Share.

About Author

Lascia un commento