“Abigail” la recensione di InfoNerd

0

Abigail – L’incantevole morte della signorina Goldfinch, la recensione del breve giallo a fumetti

Il fumetto Abigal – L’incantevole morte della signorina Goldfinch è uscito nell’ottobre 2018. Si tratta del secondo capitolo della “Trilogia dei veleni” della casa editrice Manticora Autoproduzioni, preceduto da Malerba di Lorenza De Luca.

Qualche informazione su Abigail

Elena Triolo (conosciuta sui social come Carote e cannella) è l’autrice di Abigail. Si tratta della prima storia interamente scritta e disegnata da lei. L’idea è nata dalle sue passioni: la moda, la storia del costume e Downtown Abbey.
Il fumetto è ambientato a Londra nel 1880, l’artista ha studiato attentamente gli abiti dell’epoca per riproporli nei suoi disegni. Il tratto dei disegni è caratteristico: contorni spessi e linee continue, sicuramente già questo basta come firma dell’artista.

La copertina del fumetto Abigail
La copertina del fumetto – Photo credit: gruppo-manticora.blogspot.com

Abigail è una storia molto breve. Inizia con il funerale della protagonista e proprio lei racconta in sintesi come è giunta all’ultimo respiro. La storia è preceduta da una piccola presentazione:

“L’autrice impugna e dirige i meccanismi classici del racconto giallo in maniera naturale, e il lettore non può far altro che divorare pagina dopo pagina questa piccola delizia a fumetti: se il colpevole può essere sospettato abbastanza in fretta, l’arma del delitto è tanto inaspettata quanto terribilmente adatta”

Laura Guglielmo

Le impressioni su Abigail

Dopo aver letto la presentazione del libro della prima pagina, ero molto curiosa di sapere che cosa sarebbe successo alla giovane Abigail. Ho dunque divorato il fumetto in poco tempo in attesa del colpo di scena. La lettura è stata molto scorrevole, ma il finale non mi ha sorpresa. Gli elementi della storia non sono molti, non è dunque difficile immaginare la causa del decesso della protagonista. È invece più interessante notare come in quell’epoca fosse facile ammalarsi e come le cause fossero spesso considerate misteriose.

Due vignette dal fumetto Abigail con i medici dell'epoca.
Una scena tratta da Abigail – L’incantevole morte della signorina Goldfinch

Le pagine di Abigal – L’incantevole morte della signorina Goldfinch sono in bianco e nero e le didascalie sono scritte in corsivo, direttamente dall’autrice. Questa scelta si sposa alla perfezione con l’ambientazione della storia, anche se a volte la lettura risulta meno immediata. La storia dei costumi è fondamentale e il fumetto ci incuriosisce ancora di più sull’argomento. Spinge il lettore a riflettere su quante persone reali possano aver avuto una sorte simile alla giovane Abigail.

Il fumetto si interrompe bruscamente quando si giunge alla morte della protagonista. Inizialmente questo taglio netto mi ha dato l’impressione che mancasse qualcosa, ma poi ho ricordato che la stessa Abigail narrava la sua storia e ovviamente dopo la sua dipartita non poteva aggiungere altro.

Seguici sui social:
Facebook
Instagram

Share.

About Author

Lascia un commento