‘American Horror Story: Apocalypse’: stagione divertente con alcune critiche tra le righe L'ottava stagione di "American Horror Story" è un regalo per i fan, anche se leggermente disordinata.

0

Nel corso del quarto episodio della ottava stagione di American Horror Story, un rappresentante di un’organizzazione di sesso maschile dice alla leader del clan di donne che è giunto il momento di un uomo salire al potere dopo anni di leadership fatte solo da donne. Il personaggio risponde subito: “E il tuo tempo è scaduto (You’re time’s up).” La frase è un diretto riferimento al Time’s Up, movimento fondato da celebrità di Hollywood in risposta alle molestie sessuali, l’effetto Weinstein e il #MeToo.

Ryan Murphy ha sempre usato le sue opere per fare critiche acide alla società. Spesso lo fa in un modo più diretto e di grande impatto, come in American Crime Story e Pose, a volte più sottilmente travestito da umorismo, come in Glee, Nip / Tuck e la stessa American Horror Story. Che l’esperienza sia positiva o negativa dipende da ciò che il pubblico si aspetta e da come reagisce ai prodotti Murphy. Quindi, chiunque desideri qualcosa di più serio o organizzato, rimarrà deluso da American Horror Story: Apocalypse. Per coloro che cercano ore di divertimento con una forte critica, anche attraverso una sceneggiatura confusa, si godrà a pieno l’ottavo anno dell’antologia.

Poster promozionale della stagione, Fonte: Divulgazione

La nuova stagione porta una storia semplice, anche se ricca di un’apparente complessità. In un futuro prossimo, una guerra nucleare rende l’umanità praticamente inesistente nel pianeta. Con le conseguenze di un’apocalisse, un gruppo di sopravvissuti vive insieme in un rifugio sotterraneo, un rifugio per disastri radioattivi, dove un clan matriarcale controlla rigorosamente gli abitanti e punisce coloro che infrangono le regole. Questa dinamica cambia con l’arrivo di un uomo che presto realizziamo è l’anticristo.

Cody Fern nei panni del Anticristo, fonte: Divulgazione

L’intera storia che coinvolge l’Anticristo (interpretato da Cody Fern) segue una premissa immaginaria che coinvolge il satanismo, ma serve per rendere un crossover tra due molto care stagioni per gli appassionati: una grande Murder House (la prima) e la non così grande Coven (la terza). Abbiamo anche il tempo di passeggiare per l’Hotel Cortez (il quinto anno). È lì che vive il divertimento di AHS: Apocalypse. Niente ha molto senso, i personaggi vengono riportati con soluzioni semplici solo per soddisfare la nostalgia dei fan e le spiegazioni sono le più assurde possibili. Ti infastidisce se pensi analiticamente alla narrativa, ma diverte se ti rilassi. Dopotutto, è sempre un piacere rivedere Jessica Lange nei panni di Constance o Connie Britton nei panni di Vivien.

Jessica Lange torna come partecipazione speciale, fonte: Divulgazione

Ma se l’intera stagione sembra essere stata costruita per piacere ai fan e sfruttare il pubblico, la storia diventa più interessante se la guardi tra le righe. Ryan Murphy e Brad Falchuck hanno posto alcune domande che in qualche modo spezzano ciò che ci si aspetta da una critica della società. È vero che il clan femminile di Coven è una rappresentazione della lotta femminile contro il patriarcato, ma allo stesso tempo il clan è costituito da donne bianche (L’unico personaggio di colore è Queenie, interpretata dalla magnifica Gabourey Sidibe) e il clan maschile è composto da uomini neri e gay.

L’anticristo stesso va contro ciò che ci si aspetta. Come sottolineano i personaggi femminili, l’uomo è viziato, fragile, spaventato e non sa cosa fare se non guidato. Cody Fern è stato criticato per la sua interpretazione, ma è possibile rendersi conto dell’intenzione degli scrittori e della direzione quando formano un personaggio complesso invece di un furfante unilaterale. Sì, è il figlio del Diavolo, ma la sua umanità viene strappata ironicamente dell’essere umano stesso. Cody Fern offre una performance non ovvia, piena di dolore e sensibilità.

Ma tutte queste critiche, infatti, sono nascoste nel mezzo di ciò che American Horror Story vuole davvero essere: puro intrattenimento. Quindi, anche con una storia assurda, gli scrittori fanno un lavoro interessante di narrativa, frammentando le storie per spiegarle solo nell’ultimo episodio. Anche nella confusione più completa e con attori sprecati (Evan Peters è in ‘pilota automatico’ quest’anno), le cose finiscono per servire come spiegazione e conclusione per la prima e terza stagione. 

C’è una certa aspettativa da parte dei fan che la serie tornerà in pista e presenterà storie così belle come Murder House e Asylum. Sfortunatamente, c’è già la sensazione che American Horror Story sia nella sua tratta finale, ma mentre cio non accade, continuiamo ad aspettarci qualcosa che non sappiamo nemmeno esattamente cosa sia.

Share.

About Author

Ventitreenne, ex studente di giornalismo alla PUC-PR. Probabilmente il più grande fan di Sir Alfred Hitchcock e dell'orrore. Ma anche un amante dei film "trash", serie TV e Netflix. Lettore accanito di fumetti e libri di ogni tipo, appassionato del Piccolo Principe.

Lascia un commento