‘Anon’ è un altro originale Netflix intrigante, ma privo di emozioni Con Clive Owen e Amanda Seyfried, la fiction futuristica di Andrew Niccol "Anon" non entusiasma.

0

In un futuro in cui gli occhi dei cittadini diventano telecamere, la privacy è un lusso impossibile e illegale. Questa è una delle premesse di “Anon”, un film d’azione futuristico con Clive Owen e Amanda Seyfried.

La fantascienza è un tema ricorrente nella filmografia del regista e sceneggiatore Andrew Niccol, che è il responsabile per film come In Time (2011) e Gattaca, La porta dell’universo (1997), noto per buone idee e produzioni generiche. Spoiler: la storia si ripete qui.

Poster promozionale di Anon

Owen è un detective della polizia con un lavoro non molto impegnativo, dal momento che un sistema neurale consente alla polizia di avere accesso a tutto ciò che la popolazione vede. Le vittime possono assistere ai propri omicidi registrando i loro ultimi momenti e le persone possono “riavvolgere” e guardare i loro ricordi o eventi quotidiani.

Tuttavia, quando un serial killer riesce a superare il sistema della vista delle sue vittime, il poliziotto deve trovare una criminale esperta in sradicamento dell’identità – praticamente un fantasma – che sembra essere la chiave del mistero.

Sfortunatamente, Anon è troppo lento per essere considerato un thriller d’azione, ma non abbastanza intelligente da diventare uno studio sullo scambio fatto rinunciando alla privacy per il costante monitoraggio della sicurezza. O anche come la tecnologia di rete sia, allo stesso tempo, un piano quasi infallibile e completamente vulnerabile ai civili esperti (solitamente hacker).

Seyfried non è mai stata più che un’attrice competente. Già Owen, che ha brillato in opere come I figli degli uomini (2006) e anche nella serie The Knick (2014-2015), sembra diventare il tipo di attore che fa solo una diversa versione dello stesso alter ego in ogni film che recita.

Una scena del film, fonte: Netflix

È il tipo mezzo vuoto, sarcastico, sofferente, “non puoi spaventarmi dopo tutto quello che ho visto”. È Larry, il suo personaggio in Closer (2014), un po ‘meno insopportabile. Ossia: un protagonista che non si connette con lo spettatore.

Nonostante la premessa originale che rimane intrigante per ben tre quarti della pellicola, la risoluzione è prevedibile e fredda. Potrebbe anche ispirare alcune domande curiose, buone per le conversazioni da bar a quelle più riflessive, ma il merito sarà tutto tuo, poiché il film tocca solo superficialmente e abbandona i suoi punti con più potenziale.

Sembra che Netflix stia cadendo negli errori che i film della HBO TV commettono da molto tempo. Una produzione visivamente sbalorditiva, un’idea originale e un cast ben noto al pubblico, ma con una esecuzione media/bassa.

Per inciso, l’episodio “Ricordi pericolosi“, il terzo della prima stagione di Black Mirror, presenta una tecnologia simile con un approccio completamente diverso ma molto più efficiente. E tu risparmi quasi 50 minuti. Questo è il consiglio.

Share.

About Author

Ventitreenne, ex studente di giornalismo alla PUC-PR. Probabilmente il più grande fan di Sir Alfred Hitchcock e dell'orrore. Ma anche un amante dei film "trash", serie TV e Netflix. Lettore accanito di fumetti e libri di ogni tipo, appassionato del Piccolo Principe.

Lascia un commento