Felipe Melo, è lui il più cattivo?

0

Il calciatore brasiliano si è sempre contraddistinto per falli al limite, reazioni scomposte e battibecchi più o meno accessi all’interno del campo e, a volte, a fine match. È davvero lui il più cattivo di sempre?

Felipe Melo è sinonimo di aggressività. Il mediano carioca, durante la sua carriera, si è reso protagonista di numerosi episodi che l’hanno iscritto a pieno titolo nella lista dei “cattivi” del mondo calcistico. Le sue caratteristiche, probabilmente, portano l’attuale giocatore del Palmeiras a collezionare cartellini: Melo è un centrocampista di rottura deputato al recupero forsennato di palloni per i propri compagni di squadra.

Nella sua lunga carriera iniziata nel 2001-02 al Flamengo, il brasiliano si è misurato con diverse realtà calcistiche lasciando il segno, soprattutto sugli avversari, in molti campionati. Ha giocato in patria, è approdato in Liga vestendo le maglie di Mallorca, Racing Santander e Almeria, è giunto in Serie A finendo sotto contratto con Fiorentina, Juventus e Inter ed è sbarcato, infine, in Turchia tra le fila del Galatasaray.

Le sue doti atletiche e la voglia di sacrificarsi per la squadra hanno portato Felipe Melo a vestire la maglia del suo Brasile per ventidue volte in carriera: due reti ed una Confederation Cup nel 2009 in Sudafrica. Ma, purtroppo per lui, non viene ricordato per i tanti trofei vinti in carriera.

felipe-melo-palmeiras
Felipe Melo con la maglia del Palmeiras

Felipe Melo: i video dei falli e delle reazioni sono virali

Conosciuto in campo per le sue giocate e…per i suoi interventi a limite del consentito. Diciamo la verità: molto spesso, valicano quella linea sottile che divide il fallo sportivo dall’intervento pericolosissimo. Felipe Melo è così, prendere o lasciare. Tutti i club che si sono avvalsi delle sue prestazioni sportive, si sono dovuti scontrare col suo carattere fuori dagli schemi. Ecco alcuni tra i più famosi video sul “pitbull” della mediana:

Serie A: durante un Juventus-Parma, Felipe Melo sferra un calcio in faccia, da terra, al malcapitato Paci. Rosso diretto per la disperazione di Claudio Zuliani, allora telecronista-tifoso per Premium Sport.

Ancora in Italia, questa volta con la casacca dell’Inter: Felipe Melo entra in stile Kung Fu sul povero Lucas Biglia della Lazio. Intervento che poteva mettere a serio rischio l’incolumità dell’argentino.

Quarto di finale dei Mondiali: Felipe Melo, dopo aver commesso fallo, utilizza Robben come uno zerbino. Rosso diretto commentato da Fabio Caressa che, nell’occasione, fu durissimo col centrocampista carioca.

Qui è quando ingaggiò un duello rusticano durante l’incontro tra il suo Brasile ed il Portogallo con Pepe , un altro calciatore dal temperamento caldissimo.

Chiudiamo con il caso più recente: Felipe Melo sferra un cazzotto ad un avversario del Penarol e genera una rissa colossale in campo: per dividere i calciatore c’è stato bisogno dell’intervento della polizia. Il Palmeiras è avvisato…

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Share.

About Author

Lascia un commento