Doctor Who, stagione 11: HABEMUS TRAILER!

0

The Doctor is a Woman. Deal with it.

Il San Diego Comicon, come sempre, ci porta la luce: il trailer di Doctor Who è tra noi.

The Doctor is a pillar of hope, striving for brightness and inclusion“. È questa la prima dichiarazione di Jodie Whittaker al SDCC. Cosa ci possiamo aspettare dal suo Dottore? “Energia. La meraviglia di un bambino. Irrequietezza.” Come ha rincarato anche Chris Chibnall, il nuovo showrunner di Doctor Who, “Il Dottore di Jodie è un simbolo di speranza, e di questi tempi, la speranza è ciò di cui più abbiamo bisogno.” Eh si, le premesse di questa stagione sono fantastiche.

Peccato, però, che siano passati letteralmente 5 minuti dal trailer e l’internet è già pieno di fanboy offesi a morte perché ommioddio il Dottore non ha più un pene NON SARÀ PIÙ LA STESSA COSA. Quindi, mettiamo le cose in chiaro: se fate parte di quella massa di trogloditi, smettete di leggere qua. Anche perché io sono già vendutissima. Si, mi sono bastati 50 secondi: sono pronta a difendere Jodie Whittaker con spada e con lancia. E lo ero già ai tempi del suo annuncio, a causa di una bellissima serie targata BBC: Broadchurch. Scritta benissimo, mi ha anche dimostrato che Jodie è un’ottima attrice. Se non l’avete mai vista, ve la straconsiglio. Un incentivo? Dentro c’è mezzo cast di Doctor Who (David Tennant, anyone?) perché si sa, la BBC ha 10 attori, 2 set e un ombrello.

E sapete chi ha scritto Broadchurch? Chris Chibnall. Sì, il nostro nuovo showrunner. Bye Bye Moffat. Per quanto possa aver amato (e odiato) Steven Moffat, era il momento di andarsene. Anzi, quel momento era due stagioni fa. O anche tre. Capaldi (il mio sottovalutatissimo Twelve) è stato estremamente penalizzato dalla sua mancanza di idee e dalla pessima scrittura. C’era bisogno di una ventata d’aria fresca. In realtà, Chibnall ha già scritto per il Dottore (episodi abbastanza anonimi, ad essere sincera).

Confido però che il suo stile sia maturato, e lo spero davvero. Voglio vedere Jodie SPACCARE. Voglio il fandom in lacrime. BAFTA come se piovesse. I fanboy incazzati in ginocchio sui ceci mentre piangono e chiedono perdono. MWAHAHA. Bene, a parte gli scherzi, confido davvero nell’undicesima stagione. Doctor Who aveva bisogno di novità. Aveva bisogno di reinventarsi. Senza mai, però, perdere di vista ciò che il Dottore rappresenta. Ciò che il Dottore è. Donna o uomo che sia. Un eroe che non combatte con le armi, ma con un cacciavite.

Share.

About Author

Lascia un commento