Europa League: la Lazio supera il Marsiglia dei romanisti Garcia e Strootman

0

Oggi è andata in scena la terza giornata di Europa League, nella quale si sono affrontate nel Gruppo H la Lazio guidata da Simone Inzaghi e il Marsiglia dell’ex allenatore giallorosso, Rudi Garcia.

Dopo la disfatta al Commerzbank Arena, contro l’Eintracht, con il risultato finale di 4-1 per i padroni di casa, mister Inzaghi ha deciso di non ripetere la medesima brutta figura e di mandare un segnale chiaro all’ambiente biancoceleste, ossia che la Lazio tiene a questa competizione. Motivo per cui questa sera, allo Stadio Olimpico di Roma, la Lazio è andata in campo con un gran numero di titolari, per affrontare un Marsiglia tanto insidioso quanto, ovviamente, alla portata.

Fortuna Wallace (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il match inizia nel migliore dei modi per i padroni di casa, prima con il gol di Wallace al 10′ minuto su calcio d’angolo, grazie a un cross perfetto di Lucas Leiva, poi con una grande occasione al minuto 23 per Ciro Immobile che riesce a prendere un importante pallone dentro l’area di rigore ma poi spreca amaramente con un tiro fuori portata che non impensierisce in alcun modo Steve Mandanda.

Il primo tempo si conclude con il risultato di 1-0 e un Marsiglia, schiacciato dalle occasioni dei padroni di casa, nervoso negli ultimi minuti, come testimoniano i gialli di Sakai (44′) e Strootman (46′).

Garcia (PHOTO CREDITS: calcioefinanza.it)

Inizia il secondo tempo con il cambio tattico della Lazio a centrocampo, fuori Leiva dentro Marusic, allo scopo di dare più velocità e contestuale copertura alla manovra.

I risultati si vedono immediatamente e al 59′ minuti Felice Caicedo firma un gol del 2-0 da vero centravanti su assist di un ispirato Immobile.

Al 66′ minuto Garcia tenta di mischiare le carte con un doppio cambio, fuori Mitroglou e Sanson dentro Germain e N’Jie. Strategia che rende il Marsiglia indubbiamente più pericoloso, il quale però riesce a realizzare la prima rete della serata al solo minuto 86, con gol di Dimitri Payet.

Gol che riaccende gli animi ma per soli pochi minuti, ossia fino al gol al 90′ proprio di Adam Marusic che chiude la partita con il risultato finale di 3-1.

Al triplice fischio gli uomini di Inzaghi  portano a casa tre punti fondamentali che ridanno luce e concretezza alle aspirazioni e al cammino europeo del club ma lasciano alcune perplessità, perché se da un lato hanno dimostrato di saper soffrire, dall’altro lato appare non si può fingere di non aver visto un predominio sul campo del club francese.

FRANCESCO FIORAVANTI

Share.

Lascia un commento