Fabio Fognini torna a vincere

0

Il tennis italiano torna finalmente a sorridere. Fabio Fognini ha conquistato il titolo del “J. Safra Sarasin – Swiss Open Gstaad”, torneo ATP 250. Grazie a questo successo sulla terra rossa di Gstaad, in Svizzera, Fognini è rientrato oggi nella Top 30 del ranking mondiale.

Fognini ha superato agevolmente, in finale, in poco più di un’ora e mezza di gioco, il tedesco Yannick Hanfmann con il punteggio di 2 set a 0, 6-4 / 7-5. Fabio ha dominato il match facendo valere la sua maggiore esperienza e il suo miglior ranking. Basti pensare che il tedesco è 170esimo nella classifica mondiale ed a Gstaad è partito addirittura dalle qualificazioni. Hanfmann è sembrato spaesato nel gestire la pressione di una finale ATP, la prima della sua carriera e non è mai riuscito a prendere il controllo del match.

Per Fognini si tratta del quinto titolo Atp in carriera, tutti ottenuti sulla terra rossa dove ha disputato in totale 13 finali. Nel 2013 le vittorie ad Amburgo e Stoccarda, bissate l’anno successivo dal successo a Vina del Mar, in Cile. L’anno scorso lo straordinario successo al Master 500 di Umago in Croazia (quest’anno è stato fermato ai quarti di finale dalla stellina russa, il 19enne Andrey Rublev che ha poi conquistato proprio in Croazia il primo titolo in carriera).

(PHOTO CREDITS: ANSA.IT)

Il 2017 deve essere l’anno della consacrazione e della maturità per Fabio. Miglior risultato della stagione fino a ieri, la storica semifinale conquistata sul cemento del Master 1000 di Miami. A Roma è uscito quasi subito, eliminato da Andy Murray. Ha fatto in tempo, però, a volare a Barcellona dalla sua Flavia (Pennetta) per assistere alla nascita del loro primogenito, Federico.

Il talento tennistico del 30enne ligure è indiscutibile. Un po’ meno lo sono state la continuità e la testa nel gestire i momenti difficili dei match. Problemi fisici permettendo, la maturità acquisita con la paternità e il successo a Gstaad fanno, comunque, ben sperare tutta l’Italia tennistica.

Share.

About Author

Lascia un commento