Formula 1 | Giappone 2000: Schumacher e Ferrari sul tetto del mondo

0

È l’8 ottobre 2000 quando, dopo 21 anni di digiuno, Michael Schumacher riporta il mondiale a Maranello regalando all’Italia tutta una domenica da ricordare.

Schumacher e Ferrari – Il 2000 è un anno di svolta. Microsoft mette in commercio Windows 2000, Vladimir Putin e George W. Bush vengono eletti presidenti mentre in Italia Fiat si allea con General Motors, la zecca stampa l’ultima Lira ed un giorno di ottobre si trasforma nel tripudio rosso che oggi ricordiamo con gli occhi lucidi. È l’anno di Michael Schumacher, è l’anno della Ferrari e di entrambi sul tetto del mondo.

Schumacher e Ferrari VS Hakkinen e McLaren

Dopo due anni di dominio McLaren, il primo campionato del nuovo millennio porta con sé tutte le speranze di Maranello ma la stagione riserverà un’altalena di emozioni fino al penultimo appuntamento. Schumacher, alla guida della mitica F1-2000, infila una tripletta iniziale in Australia, Brasile e San Marino. Vince anche al Nurburgring e in Canada accumulando un buon vantaggio su Mika Hakkinen, unico avversario nella corsa al titolo iridato. La situazione precipita in un batter d’occhio quando in Francia, Austria e Germania, il tedesco è costretto a tre ritiri consecutivi e l’odore dell’ennesimo fallimento è già nell’aria.

schumacher ferrari
Il ritiro in Austria – Photo Credit: reddit

Il pianto di Schumi

Hakkinen capitalizza la disfatta rossa raggiungendo Schumi nella classifica piloti, fino a sopravanzarlo a Spa nel giorno del leggendario sorpasso. Le critiche arrivano feroci ed implacabili in perfetto stile italiano e, quando il tedesco ribalta le carte a Monza davanti ad una folla in delirio, scoppia a piangere in conferenza stampa liberandosi dal macigno che lo opprimeva. Si vola negli Stati Uniti con soli due punti di distacco da Mika e tre gare da disputare. Il motore della McLaren cede ad Indianapolis e la vittoria di Michael porta il divario a 8 punti in favore del tedesco. Il primo match point si giocherà a Suzuka e sarà un’occasione da cogliere al volo data la criticità dell’andamento mondiale.

Schumacher e Ferrari – Una nuova era

In Italia è l’alba di domenica 8 ottobre ma lo share raggiunge i livelli della prima serata. In Ferrari la tensione è palpabile: i fantasmi degli investimenti sfumati, i fallimenti e le delusioni di Berger, Prost, Alesi e Mansell riecheggiano nel box. Ma questo è il giorno di Michael e della Ferrari e, al termine di 53 giri al cardiopalma portati avanti con strategia impeccabile, esplode tutta la gioia di chi ha dovuto imparare a perdere. Col senno di poi, il GP del Giappone del 2000 non ha rappresentato la degna conclusione del campionato bensì l’inizio del mirabolante lustro che, 19 anni dopo, ci fa ancora palpitare il cuore.

schumacher ferrari
Foto di gruppo per il settimo titolo mondiale – Photo Credit: ferrari

SEGUICI SU:

Share.

About Author

Classe '91, interprete, amante delle auto per natura, delle moto per amore. Nel garage dei miei sogni: MV Agusta F3 800 Ago, Lancia Delta HF Integrale 16v livrea Martini, Koenigsegg Agera, Pescarolo C60 Hybrid

Lascia un commento