Formula 1 | Williams, dubbi su Kubica per il 2020

0

La riconferma di Kubica in Williams è appesa ad un filo. Per il sostituto, possibile interessamento della ROKiT per Latifi

Riconferma Kubica in Williams – Può esserci nuova separazione tra Robert Kubica e la Formula 1. I protagonisti di una storia prima intrapresa, poi perduta ed incredibilmente ritrovata, che ha saputo emozionare ogni appassionato di motorsport. Perché il pilota polacco ha ritrovato, con la Williams, la possibilità di correre di nuovo nella massima serie, quella Formula Uno capace di esaltarlo. Di metterlo alla luce dei riflettori Ferrari nel 2011, dopo aver notato le sue doti da vero campione in pista e non solo.

On Board Rober Kubiza FP2 GP D’Australia – Video Credit: F1TV (CH)

Formula Uno che, come risaputo, dà tanto e a volte toglie tutto. L’incredibile attaccamento all’animo di redenzione, espresso da Robert Kubica, ha incontrato la dura faccia della realtà. La Williams, in lento miglioramento dopo l’avvio di stagione shock, non sembra essere soddisfatta dei risultati maturati in campionato da Kubica. Il rischio taglio per la stagione 2020/2021 appare sempre più una concreta, triste eventualità.

Riconferma Kubica in Williams – Le ragioni del probabile addio

Robert Kubica ha ottenuto il suo primo punto stagionale col decimo posto ottenuto nel Gp d’Ungheria. Un risultato, invero, maturato per forza maggiore, in virtù della penalizzazione di 30 secondi inflitta alle Alfa Romeo Racing. Merito del polacco, in ogni caso, essere stato davanti in gara al proprio compagno di squadra, il più giovane e sprizzante George Russell.

Gli evidenti limiti della FW42 non hanno favorito, fin qui, l’exploit di rendimento che forse Kubica poteva aspettarsi dal marchio Williams. Inoltre pure il muretto, spesso e volentieri, ha preferito privilegiare Russell nelle strategie di gara, a discapito di Robert.

Kubica in Williams
Battaglia tra Kubica e Russell nel GP D’Australia – Photo Credit: Racefans.net

I numeri, comunque, non mentono. Il dodici a zero a favore di Russell, nel confronto testa a testa in qualifica, è un dato non ignorabile da Williams. Di recente, anche lo sponsor principale di Kubica, la PKN Orlen, si è sbilanciato sul futuro. Non mancherà, per Robert, il forte supporto del main sponsor, nella ricerca di un eventuale sedile in Formula Uno. Si vocifera di un flebile interesse della Haas, ma al momento non è stata imbastita alcuna trattativa.

“Le opzioni sono aperte e ci sono molte possibilità. Spesso parliamo di questo e molto dipenderà dalla decisione che prenderà Robert”

Daniel Obajtek, amministratore delegato PNK Orlen

Riconferma di Kubica in Williams – Latifi in corsa per il 2020?

Il nome nuovo per il sostituto di Kubica, circolato nelle ultime ore, è quello di Nicholas Latifi. Il giovane canadese, in rampa di lancio, ha svolto nello scorso aprile i test con la FW42.

Una fonte del Blick, Roger Benoit, considera già per concluso l’accordo tra Latifi e Williams. L’ingaggio del canadese dovrebbe assicurare alla scuderia di Grove utilità per 30 milioni di dollari, cifra considerevole per le casse Williams. Voci estive che si riconcorrono, lasciando presagire l’addio di Kubica dalla Formula 1, verso quegli altri palcoscenici ritrovati con ferrea dedizione.

SEGUICI SU:

CANALE INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
CANALE TELEGRAM: https://t.me/MMImotorsport
PAGINA TWITTER: https://twitter.com/MmiMotorsport
NEWS MOTORI: https://www.metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/motors.mmi/

Share.

About Author

La passione per ogni forma di sport mi ha spinto verso l'amore per la scrittura sportiva, che sto edificando dopo aver ottenuto il tesserino di giornalista pubblicista nel 2015. Ho 24 anni, sono laureando in giurisprudenza, ho maturato in sei anni competenze nell'ambito delle radio e del broadcasting. E' stato il Gran Premio di Monza 2018 a cambiare totalmente le mie prospettive. Da allora, il mio lavoro concerne EV e Formula E, ma non solo.

Lascia un commento