Formula E | Di Grassi vince l’ePrix di New York, Vergne è campione!

0

Lucas di Grassi centra la vittoria del primo round dell’ePrix di New York davanti ad Abt e Buemi. Il vero protagonista è però Jean-Eric Vergne che, grazie al quinto posto finale, conquista il titolo iridato. Niente da fare per Bird, solamente nono l’inglese.

I principali protagonisti del mondiale piloti sono partiti nelle retrovie. Sam Bird è scattato dalla 14 esima posizione mentre i piloti Techeetah sono scattati dal fondo dello schieramento. Le vetture cinesi hanno utilizzato un livello di potenza superiore rispetto al consentito. Niente da fare per Oliver Turvey che chiude anzitempo la stagione, fattura al quinto metatarso della mano sinistra per lui. Sarà sostituito da Ma Qing Hua nella gara di domani.

Cronaca della gara

Mitch Evans stalla in partenza (si ritirerà) venendo quasi tamponato da D’Ambrosio. Il belga, a sua volta, tampona il compagno di squadra danneggiando la propria vettura. Partenza inizialmente guardinga sia per Sam Bird che per Vergne mentre Nico Prost sale in seconda posizione. Quest’ultimo, però, viene gradualmente scavalcato dagli avversari nelle prime tornate.

Ottima partenza anche di Tom Dillmann che si porta nelle prime posizioni. Buemi che ha subito provato a scappare, ma è insidiato da Daniel Abt. Il tedesco ha la meglio sullo svizzero al sesto giro grazie ad un grande sorpasso. Il duo di testa prova subito a scappare costruendo un buon margine su Dillmann che, nel frattempo, si è issato fino alla terza posizione ai danni di Piquet Jr. Il gruppo è capitanato da Heidfeld, ma il vero protagonista è Lotterer.

André Lotterer compie sorpassi a ripetizione fino a scavalcare Sam Bird all’undicesima tornata. Dopo i primi giri corsi in modo cauto, comincia a scatenarsi anche Jean-Eric Vergne. Il francese riesce a scavalcare magistralmente Felix Rosenqvist alla curva 6, grazie ad un’ottima uscita dalla curva 5. Nelle prime posizioni Tom Dillmann riesce a recuperare decimi importanti su Buemi. Il francese viene però sorpassato da Lucas di Grassi con il passare dei giri.

Daniel Abt durante l’ePrix di New York alla caccia di Sebastien Buemi – Photo Credit: Audi 

16 esimo giro: il sorpasso atteso

Nel frattempo Vergne scavalca Lynn al 13 esimo passaggio e comincia subito ad insidiare il diretto rivale, Sam Bird. Jean-Eric Vergne trova un grande sorpasso alla curva 6 su Sam Bird conquistando la decima posizione. Il francese si è rivelato molto bravo a gestire l’energia prima ed a spingere poi. Le Techeetah prima del cambio vettura sono letteralmente scatenate riuscendo a scalare agevolmente la classifica. Lucas di Grassi riesce addirittura a prendere Buemi ed a scavalcarlo molto agevolmente.

Cambio vettura che avviene per tutti nel 22 esimo passaggio. Problema dopo il cambio vettura per Rosenqvist e per Nelson Piquet Jr (costretto al ritiro). Lotterer sale in quinta posizione, seguito da Vergne mentre Bird si installa in nona piazza. Lucas di Grassi si lancia all’inseguimento di Daniel Abt e riesce a sopravanzarlo in staccata alla curva 11, conquistando la prima posizione. Abt però non molla.

Al 29 esimo giro Vergne scavalca Lotterer salendo in quinta posizione per provare a prendere Tom Dillmann. Sam Bird non riesce ad agganciare e superare Nico Prost, la sua vettura non è parsa in grado di tenere il passo dei migliori. Al 35 esimo passaggio Maro Engel sorpassa Sam Bird rendendo sempre più difficile la gara del pilota inglese.

Indicente di Alex Lynn, dentro la Safety Car

Alex Lynn finisce contro le barriere in curva 5 al 35 esimo giro a causa di un avvallamento. La Safety Car è costretta ad entrare nel giro successivo. Il gruppo si ricompatta pronto per scattare per le ultime tornate. Lucas di Grassi precede Abt seguito da Buemi, Dillmann, Vergne, Heidfeld, Lotterer, Prost, Engel e Sam Bird che chiude la top-10. La Safety Car rientra a soli 2 minuti e 36 secondi dalla fine della corsa.

Lucas di Grassi nel corso dell’ultimo giro – Photo Credit: Audi

Le vetture si aprono a ventaglio alla curva 1 provando a recuperare posizioni. Sam Bird si prende molti rischi provando ad attaccare Nico Prost alla curva sei riuscendoci a soli 25 secondi dal termine. Le Audi sono più veloci di tutti e riescono ad allungare rispetto al gruppo mentre Vergne prova ad attaccare Tom Dillmann per la quarta posizione, ma senza successo. La situazione non cambia e Jean-Eric Vergne è campione!

Analisi della gara

Jean-Eric Vergne è il campione del mondo della quarta stagione di Formula E. Il pilota francese ha condotto una gara intelligente nelle prime tornate e poi all’attacco. Vergne riesce a coronare una stagione perfetta, dove ha dimostrato sia di saper vincere che di saper guadagnare punti preziosi per il mondiale. Una corsa dove, partendo dall’ultima posizione, ha conquistato il quinto posto finale. Una corsa fantastica dove ha dimostrato il suo talento e la sua intelligenza.

Niente da fare per Sam Bird che non è riuscito a conquistare i punti necessari per mantenere il mondiale aperto. L’inglese ha guidato bene, ma la vettura ha dimostrato numerosi limiti nel corso di questo appuntamento. Ai microfoni dei giornalisti, Bird ha ammesso di avere dei grossi problemi di efficienza. Un vero peccato per l’inglese che non è stato in grado di capitalizzare la migliore posizione in griglia di partenza. 

Corsa eccezionale quella corsa dalle Audi. Lucas di Grassi ha conquistato la seconda vittoria stagionale davanti al compagno Daniel Abt. Una doppietta che permette ad Audi di avvicinarsi notevolmente a Techeetah nel mondiale costruttori. La squadra tedesca ha dimostrato di avere il miglior pacchetto al momento. Il distacco tra Techeetah e Audi è ridotto ad una manciata di punti, chi vincerà il titolo costruttori?

Non volete perdervi alcuna news sul mondo dei motori? Seguiteci anche su Telegram!

Share.

About Author

Appassionato di motori con uno sguardo attento all'innovazione tecnologica. Scrivo per passione e per condividere le mie idee sul motorsport. Ospite del NIO Formula E Team all'ePrix di Parigi 2018. Per Metropolitan Magazine Italia mi occupo di Formula E.

Lascia un commento