Game of Thrones: il fantamorto di InfoNerd

0

Il gran finale è alle porte, come l’inverno. L’ultima stagione di Game of Thrones è pronta a concludere una delle serie tv più viste ed acclamate di sempre. Come festeggiare al meglio la messa in onda dell’ottavo filone? Semplice: giochiamo al fantamorto di Got con InfoNerd.

La resa dei conti è finalmente giunta per tutti i sopravvissuti. Gli Estranei hanno distrutto la Barriera, baluardo che separava i Sette Regni di Westeros dai territori dei Bruti, toccando il suolo degli Stark. Il Re della Notte, finalmente, è pronto a dar battaglia agli uomini portando l’inverno in tutti i regni. Un monarca potente, un drago azzurro zombificato ed un esercito mastodontico di non morti: si prospettano tempi durissimi per le nobili casate di Cersei Lannister e Daenerys Targaryen.

Nel corso delle stagioni abbiamo imparato, sulla nostra pelle, una lezione importantissima: non affezioniamoci a nessun personaggio di Got, potrebbe morire nel peggiore dei modi da un momento all’altro. Ebbene, noi di InfoNerd abbiamo deciso di celebrare l’ultimo step di Game Of Thrones in un modo alternativo. Quale? Giocando tutti insieme al fantamorto.

game-of-thrones
Il molto poco rassicurante Re della Notte in groppa a Viserion (Credit: justnerd.it)

Game of Thrones – Cos’è il fantamorto?

Non tutti conoscono questo gioco un po’ macabro ma estremamente goliardico. Avete presente il più famoso Fantacalcio? Ecco, il fantamorto è un suo riadattamento: vince chi, nel corso dell’anno, indovina più dipartite di personalità famose. Ogni celebrità ha un prezzo ed un punteggio: i più anziani o debilitati, fanno guadagnare pochi punti mentre una morte insospettabile vale di più.

I becchini che partecipano a tale gioco devono costruire un “roster di morti” con i fantacrediti: chi totalizza il maggior punteggio vince. Semplice e macabro. Adesso, noi di InfoNerd non ci sentiamo così cinici (almeno per il momento) da scommettere sui trapassi delle celebrità ma, onestamente, nessuno c’impone di profetizzare le morti nell’ultima stagione di Game of Thrones.

Un fantamorto più soft ma ugualmente crudele! Andiamo ad analizzare chi, tra i personaggi più in vista, farà compagnia ai vari Ned Stark, Robb Stark, i Tyrell, Robert Baratheon, Hodor, Baelish ed i regali figli dell’attuale Regina dei Sette Regni.

game-of-thrones
Pronti al gran finale? (Credit: Sololibri.net)

Cersei Lannister

Cominciamo col botto! Cersei Lannister è l’attuale Regina dei Sette Regni ed è sopravvissuta davvero a moltissime situazioni difficili. La sua scorza dura, da vera donna Alpha, ha condotto le sue regali natiche sul desideratissimo trono di spade, appartenuto in successione al suo odiato marito (Robert Baratheon) ed ai due figli (Joffrey e Tommen) nati dall’incesto con il fratello Jaime.

Se fossimo coinvolti nel fantamorto classico, la donna Lannister avrebbe un punteggio di dipartita veramente basso: è la principale antagonista della serie e la sua alleanza con Casa Greyjoy non ha contribuito alla redenzione. Vuole annientare Daenerys e sembra infischiarsene della minaccia portata dagli Estranei: il trono è suo e non lo cederà mai senza aver combattuto fino alla fine.

Nemmeno il figlio che porta in grembo sembra aver placato la sua smania di potere. Come potrebbe morire? Le combinazioni sono così ampie che il punteggio per la sua dipartita è esiguo: potrebbe venir uccisa da Arya, oppure da Daenerys, da Tyrion, da un Estraneo o, addirittura, dal fratello Jaime. Ah, non dimentichiamoci del vino

QUOTA MORTE: ALTISSIMA.

game-of-thrones
La dolcissima Regina sul suo trono (Credit: Den of Geek)

Daenerys Targaryen

Nell’angolo blu, Daenerys Targaryen! Eh sì, la Regina dei draghi è la sfidante di Cersei: una delle due, Re della Notte permettendo, siederà sullo scranno di ferro del continente di Westeros. L’attuale regnante non ha avuto una vita semplicissima ma l’ultima (penultima, ops) della casata originaria di Valyria porta convincenti argomenti in quanto a sfiga. La vita della “Non Bruciata” è sempre stata sul filo del rasoio ma le mille peripezie hanno temprato la sorella di Vyseris.

La Regina albina che potrebbe uccidere di vecchiaia i suoi rivali elencando i suoi titoli, per il momento, sembra aver anteposto la conquista del trono per respingere la minaccia degli Estranei. Punto a suo favore, non c’è che dire. Due draghi, alleati di Westeros e delle Città Libere ed un sogno: riprendere il comando dei Sette Regni per poi passarlo al figlio che porta in grembo. Adesso, quante probabilità esistono di veder spirare Dany nella stagione finale? Tante ma non tantissime: i fans vogliono la coppia di Targaryen sul trono e gli sceneggiatori potrebbero accontentarli.

Resta l’ombra di un finale a sorpresa: entrambe le contendenti trapassate e Jon Snow (continuiamo a chiamarlo così) sul trono. Daenerys potrebbe morire per mano del Re della Notte, del suo drago di ghiaccio, per colpa di Cersei, Jaime oppure di un traditore dell’ultimo momento. Nozze Rosse, ricordate?

QUOTA MORTE: ALTA.

game-of-thrones
Daenerys Targaryen nata dalla Tempesta ecc ecc (Credit: unadonna.it)

Tyrion Lannister

Nella botte piccola c’è il vino buono. E lui di vino se ne intende moltissimo. Vizio di famiglia, probabilmente. Finalmente, abbiamo scoperto il motivo della cromatura di Casa Lannister: leone d’oro per l’incredibile ricchezza della casata su sfondo vinaccia. Altro che rosso. Giacché siamo in tema alcolico, precisiamo un punto: se il nano non è morto di cirrosi epatica, perché non dovrebbe sopravvivere agli Estranei?

Ci state pensando? Bravi, il quesito è ancora senza risposta. Il buon Tyrion, tra una fiasca ed un’altra che manco a Marino durante la “Sagra dell’Uva“, ha ricoperto ruoli di assoluta rilevanza: Maestro del Conio, Primo Cavaliere del Re ai tempi di Joffrey, patricida senza scrupoli, negoziatore, clandestino, prigioniero, reietto, schiavo ed infine Primo Cavaliere della Regina dei draghi. Dopo varie avventure, il Folletto dovrà affrontare il suo passato ma, soprattutto, la sfida più importante della sua vita: il giudizio della regale sorella perennemente in sbalzo ormonale e con un’accentuata propensione al testosterone.

Molte donne in quei giorni, lo sappiamo, possono diventare molto pericolose. Infatti, la possibile morte di Tyrion potrebbe esser portata da Cersei, in un impeto di vendetta. Sentiamo di escludere Jaime e Arya dalla “lista dei boia” del nano ma annettiamo Estranei, Euron Greyjoi e…se stesso. Magari, Tyrion potrebbe sacrificarsi per la sua Regina attuale oppure per un membro della sua famiglia: accusato di averla distrutta, potrebbe eroicamente salvare un Lannister donando la sua vita.

Romantico. L’attaccamento dei fans dovrebbe giocare un ruolo importante: faranno morire uno dei beniamini della serie? In Game of Thrones nessuno è al sicuro, soprattutto con l’inverno alle porte. Attenzione, becchini: Tyrion potrebbe divenire una succulenta occasione per sbancare il fantamorto

QUOTA MORTE: MEDIA.

game-of-thrones
Il sobrio Tyrion Lannister (Credit: Elite Daily)

Jon Snow alias Aegon Targaryen

Una vita passata da “Bastardo“, emarginato fino ad arrivare alla Barriera dove, tra congiure e resurrezioni, è riuscito ad affermarsi. Dopo aver vissuto sventolando tristemente la bandiera di Calimero, ci chiediamo: può morire nell’ultima stagione dopo aver riconquistato Grande Inverno da quel pazzarello di Ramsey Bolton? Sopratutto: davvero vogliono far morire chi assaporerà l’idea di essere il legittimo erede al trono di Casa Targaryen? I “Bastardi“, a quel punto, sareste voi sceneggiatori. Orsù.

Jon Aegon Snow Targaryen (possiede quasi più nomi della zia/amante) sarà in prima linea nella battaglia finale, ne siamo assolutamente certi. Questo, ovviamente, aumenta la sua percentuale di mortalità: orde di Estranei, drago sputa ghiaccio, Re della Notte, congiurati di Cersei e, perché no, Daenerys. In Game of Thrones non ci si può fidare di nessuno: la Madre dei Draghi ha coltivato per anni l’idea di sedere sullo scranno di spade, come reagirà quando scoprirà che suo nipote è il vero erede al trono dei Targaryen? Mistero.

Anche in questo caso, il prode Jon Snow potrebbe possedere una polizza sulla vita inattaccabile: gli appassionati di Got. La serie tv si è discostata molto dai libri ma, attenzione, il filone letterario prende il nome de “Le cronache del ghiaccio e del fuoco“. Chi se non l’ex Stark potrebbe incarnare questa definizione? Puntate sul buon Giovanni Neve: consigliato.

QUOTA MORTE: BASSA.

game-of-thrones
Ghiaccio caldo Jon Snow (Credit: StudentVille)

Jaime Lannister

Arriviamo all’alfiere di Casa Lannister. Il caro Jaime è il personaggio che, nel corso delle stagioni, ha vissuto la più fulgida evoluzione cambiando progressivamente il suo modo di porsi. Da viziato rampollo dai tratti somatici similari ad Azzurro di “Shrek“, il membro della Guardia Reale arriva all’ultimo atto in preda ad una trasformazione epocale.

Addiritura, Jaime ha reciso (parzialmente, ndr) la simbiosi che lo legava a Cersei per aiutare le milizie che si stanno riversando alla Barriera per respingere l’invasione degli Estranei. Avrà anche perso una mano ma, col tempo, il padre dei defunti regnanti ha guadagnato una saggezza davvero affascinante. Ricordate quel giovanotto impulsivo e spaccone? Adesso Jaime sembra esser diventato un perfetto lord! Ah, la legge del contrappasso.

L’inverno potrebbe gelare la fioritura del nuovo Jaime Lannister: costretto ad utilizzare la mano debole, il figlio di Tywin si getterà in battaglia al comando di una milizia. È mosso, infatti, da un unico desiderio: proteggere la sua amata Cersei ed il figlio ancora nel grembo materno annientando la morsa polare portata dal Re della Notte. Tutto lodevole ma…riuscirà nel suo intento?

Noi di InfoNerd crediamo, a malincuore, che Jaime Lannister combatterà la sua ultima battaglia nell’atto finale di Game of Thrones. Perché? È presto detto: l’alfiere della nobile casa del leone d’oro potrebbe perire in battaglia sotto i colpi dei molteplici nemici oppure finire preda di una congiura portata da quel vecchio volpone di Euron Greyjoi.

Non sottovalutiamo la tematica romantica: con la probabile morte di Cersei, l’innamorato fratello potrebbe decidere di togliersi la vita. A Westeros, in quel caso, non resterebbe più nulla per il prode Sterminatore di Re. La sua mortalità, purtroppo, tocca vette altissime. Come per Cersei: due amanti uniti dallo stesso destino? Ora, piangete.

QUOTA MORTE: ALTISSIMA.

game-of-thrones
Un perplesso Jaime Lannister durante la battaglia contro Daenerys (Credit: Wired)

Arya e Sansa Stark

Considerando che Jon Snow è passato al “Lato Targaryen” della Forza e che Bran sta vivendo manie di grandezza adolescenziali che sono sfociate nel titolo di “Corvo a tre occhi“, Arya e Sansa sono le uniche vere Stark rimaste all’orizzonte. Gli altri lupi di Grande Inverno, nel corso delle stagioni, sono diventati utili per fertilizzare il terreno. Morti. Tutti. In modi davvero orribili. “Allegria!” Grazie, Mike.

Le due lady degli Stark possono fregiarsi di aver compiuto un’evoluzione similare al buon Jaime: partite entrambe in sordina, Arya è diventata un’assassina provetta grazie alla poco raccomandabile scuola di Braavos ( a Baelish non piace questo elemento) mentre Sansa, finalmente, appare meno oca e più risoluta (a “Dito Corto” non piace nemmeno questo elemento). Quest’ultima è a tutti gli effetti la reggente di Grande Inverno, la protettrice attuale del Nord. Mica cotica. A quale destino andranno incontro le due figlie del povero Ned? Non Flanders, eh. Fate i bravi. Ned Stark.

Dopo aver vissuto tutte le stagioni al grido di “Mai una gioia“, ci piacerebbe assistere al riscatto finale di Arya e Sansa. La prima ha più probabilità di perire in virtù del suo spirito combattivo mentre la sorella maggiore assisterà allo scontro a debita distanza. In caso di vittoria finale di Daenerys, l’ex moglie di Tyrion potrebbe restare sullo scranno di Grande Inverno.

Ovviamente, gli imprevisti esistono per tutti: se la donna nata a Roccia del Drago dovesse perire, Cersei e gli Estranei toglierebbero di mezzo gli ultimi arbusti degli Stark cancellando la nobile casata del Nord da Westeros. È una roulette russa per le due sorelle. Il fantamorto si nutre di tali scommesse: vi consigliamo di giocare qualche fiches su questa coppia delle grandi opportunità.

QUOTA MORTE: MEDIA.

game-of-thrones
“Ma come sei diventata?” Lo sdegno di Sansa guardando la gioviale Arya (Credit: Youtube)

Brienne di Tarth

Arriviamo al Colosso di Rodi, alla roccia che si staglia contro ogni ingiustizia di Westeros. Si scrive “fedeltà” ma si pronuncia Brienne di Tarth! Eh sì, Briennona nazionale ha sorpreso tutti per la sua nobiltà d’animo: fedele a Renly fino alla sua tragica (e troppo veloce, ndr) morte, l’amazzone ha donato la sua spada a Catelyn Stark giurandole di proteggere le sue figlie. Detto, fatto: Brienne è al fianco di lady Sansa a Grande Inverno.

Il baluardo di Tarth, ragionevolmente, si unirà alle milizie che affronteranno l’avanzata degli Estranei e del Re della Notte. Che fine farà la mascolina donna? Difficile da dire: Brienne potrebbe morire in battaglia difendendo i confini di Grande Inverno oppure perire nel tentativo di difendere Sansa. Per la serie “Non sono bella ma piaccio“, la biondona conterà quasi certamente sul suo (unico) spasimante rossiccio: Tormund.

I suoi ideali, ovviamente, potrebbero spingere verso le braccia di Ade la povera ma tanto amata Brienne. Una battaglia memorabile s’intravede all’orizzonte: i fans vorrebbero vederla vivere ma i produttori cosa penseranno? Ardua risposta. Per questo, noi di InfoNerd vi consigliamo di puntare sulla “Vergine di Tarth“.

QUOTA MORTE: MEDIA.

game-of-throne
Brienne di Tarth (Credit: CinemArt Magazine)

Bran Stark ed il Re della Notte

Veniamo alla coppia che scoppia, al giorno e la notte o, più semplicemente, al buono ed il cattivo. Il brutto non l’abbiamo, maledetto low budget. Bran è la nemesi del malvagio sovrano dei non-morti, su questo non c’è alcun dubbio: da quando si è spezzato la schiena, il ragazzo Stark ha vagato per tutte le terre oltre la Barriera diventando il famigerato “Corvo a tre occhi“, ovvero il nemico mortale del bluastro cattivone.

Sono state avanzate numerose ipotesi su questo duo: la più accreditata vorrebbe Bran come Re della Notte. Non chiedeteci perché, non protestate eccessivamente. Noi di InfoNerd non lo sappiamo, altrimenti non staremmo qui a giocare insieme a voi: siamo unicorni onesti, alla fine. Se il destino dei due è unito, il Mariottide di Game of Throne rischia davvero grosso.

Lo “spezzato” potrebbe perire insieme al Re della Notte, essere ucciso dalla stesso sovrano blu oppure sacrificarsi, in un atto massimo di coraggio, per il bene comune salvando tutta Westeros. I due personaggi sono controversi e molti aspetti sono rimasti sommersi, ohibò fa anche rima! Proprio per questo motivo, non riusciamo a sbilanciarci al cento per cento: certo, se il Re della Notte sopravvivesse non ci sarebbe alcuna speranza per nessun essere umano ed il lungo inverno diverrebbe realtà assodata.

Questo significa che, a meno di clamoroso finale stile mattanza, il mostro di ghiaccio non arriverà all’ultimissimo atto della stagione. Ma Bran? È così collegato all’oscuro sovrano? Non lo sappiamo ma la morte, vedendo l’espressione iettatoria dell’ultimo uomo degli Stark, potrebbe grattarsi per poi scappare a ossa levate…

QUOTA MORTE: ALTISSIMA.

game-of-thrones
Bran ed il Re della Notte. Allegria! (Credit: Cinematographe.it)

Fantamorto: il resto fatelo voi, e che cacchio!

Sì, vogliamo prendere in prestito una frase da Peter Griffin. È forse vietato? Ci sembra la più appropriata: in questo pazzo articolo, infatti, vi abbiamo spinti verso due universi che, fusi insieme, potrebbero allietare ironicamente la tanto attesa stagione di Game of Thrones. All’appello, ovviamente, mancano tutti i personaggi di contorno che completano la story-line della fortunata serie tv uscita dai libri di R. R. Martin.

Ah, vogliamo chiudere questo viaggio nel fantamorto di Got con colui che ha creato tutto questo meraviglioso mondo: lo scrittore statunitense. Caro Martin, capiamoci una volta per tutte: finisci questi maledetti libri oppure nel famoso torneo dei morti, ne siamo quasi certi, potremmo scommettere anche su di te. Con affetto e stima profondissima. Fai il bravo, eh!

QUOTA MORTE: BASSISSIMA, SE FA IL BRAVO E TERMINA “LE CRONACHE DEL GHIACCIO E DEL FUOCO”.

game-of-thrones
“Aspettate i libri? Bravi, continuate ad attendere!” (Credit: Variety)

FOLLOWTHEUNICORN

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter autore

SEGUICI SU:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Pagina di InfoNerd – MMI

Share.

About Author

Lascia un commento