Ben Affleck ci spiega perchè appenderà il mantello al chiodo

0

Ben Affleck ha recentemente spiegato i motivi dietro l’abbandono definitivo al ruolo di Batman, giunto dopo diversi mesi d’incertezza dovuta, anche, ai continui cambi di piani intorno al film.

All’inizio tutti credevamo che Ben Affleck avrebbe interpretato il nuovo Batman nella pellicola di Matt Reves, ma così non è stato.
Agli albori del progetto, l’attore doveva essere oltre che protagonista anche regista e sceneggiatore. I problemi sono iniziati con l’abbandono dell’attore alla regia, evento che ha segnato l’inizio del cambio direzionale del progetto, con l’avvento del nuovo regista e lo stravolgimento delle precedenti bozze. Questa serie di eventi potrebbe con ogni probabilità aver portato all’abbandono al ruolo da parte di Ben Affleck. La sua volontà di allontanarsi dal progetto è infatti diventata sempre più concreta col passare dei mesi, fino all’annuncio ufficiale.
L’attore infatti ha dichiarato in un’intervista alla IGN:

Ho lavorato alla sceneggiatura e non ne sono mai stato molto soddisfatto, questo risultava essere un grande problema. (…) Non ne ero entusiasta e ancora oggi non capisco il perché. Non sono riuscito a realizzare qualcosa di veramente grande, così ho deciso che fosse meglio lasciar provare qualcun altro

Ben Affleck alla IGN

Un nuovo regista, un nuovo Cavaliere oscuro:

Mentre il nome dell’attore che otterrà il ruolo nel film diretto da Matt Reeves resta ancora incerto, sappiamo ora che il suo Batman mostrerà sul grande schermo la sua grande abilità da detective, come sottolineato dal regista stesso in una precedente intervista a The Hollywood Reporter:

E’ una storia noir di Batman, raccontata molto chiaramente dal suo punto di vista e dall’esperienza che essa porta sulle sue spalle. (…) Spero che sarà emozionante ma anche emotiva. Darà risaltato maggiormente alla sua abilità da detective, più di quanto si sia mai visto nei precedenti film fino ad ora: i fumetti lo dicono chiaramente, è il detective migliore del mondo e a questo aspetto non sempre è stato dato il giusto peso nelle precedenti pellicole. Amo la possibilità che ho di poter approfondire questo aspetto, in modo da intraprendere con lui un viaggio alla ricerca dei criminali e percorrere un arco narrativo, che mostri anche l’evoluzione e la trasformazione stessa di Batman

Matt Reves su Hollywood Reporter
ben affleck
Batman from “The Killing Jone”, Alan Moore – Source: Google

Ma non finisce qui, infatti continua:

Al momento, il film è chiamato The Batman, ma una volta completato non so se il nome rimarrà questo o meno. Ci sarà presto una selezione dei nemici, il casting inizierà presto, stiamo iniziando a mettere insieme il nostro piano per l’inizio delle riprese.

Warner Bros è stata veramente disponibile nei miei confronti, non mi ha imposto nessuna data e infatti al momento non c’è una data d’uscita prevista, ma pensiamo tutti che il film possa essere pronto per la primavera o l’estate del 2021. Batman: Anno Uno è una delle storie fumettistiche che più amo, ma non ne stiamo facendo un adattamento, né stiamo sviluppando una storia d’origine.

Semplicemente, stiamo realizzando una storia che parli di Batman nella maniera più assoluta, che sia per lui molto personale, emotiva e che esalti tutte quelle caratteristiche tipiche del personaggio, quelle che hanno portato me e milioni di fan in tutto il mondo ad innamorarsi di lui

Matt Reves su Hollywood Reporter

Un’ultima curiosità:

Le domande che vorremmo porre a Ben Affleck e Matt Reves sono tantissime, ma c’è solo un’ultima domanda alla quale abbiamo ottenuto riposta.
Il reegista ha infatti voluto spiegare come affronterà il tema della duplice identità di Bruce Wayne nel prossimo film stand-alone di Batman. Leggiamo una sua dichiarazione a IndieWire:

Questa è una domanda molto difficile. Penso sia interessante sapere però che, lavorando al film, abbiamo guardato molto al passato e all’esempio che poteva fornirci un’opera importante come quella di Stevenson. Bruce Wayne ha un sé-ombra proprio come Jekyll, c’è l’idea che siamo fatti di molteplici personalità. Bruce è e non è Bruce, è o non è il suo cappuccio. Ci sono delle volte che ti senti pienamente te stesso, ma poi risulta essere vero solo uscendo dalla propria ‘forma’ e indossando una maschera, con l’identità velata che permette ai lati più istintivi e puri di emergere

Matt Reves su IndieWire

Questa dicotomia è importantissima nella figura del Cavaliere Oscuro, come anche il regista afferma. E noi non vediamo l’ora di scoprirla assieme nel nuovo film di Batman, chiunque sia il suo nuovo volto. Nel frattempo noi di Metropolitan vi abbiamo stilato una possibile lista dei candidati.
Enjoy and stay tuned per tutte le novità!

SEGUICI SU
FACEBOOK
INSTAGRAM

Share.

About Author

Lascia un commento