Le finali di Champions League più emozionanti degli ultimi anni

0

Oggi vi rinfreschiamo la memoria con un revival di alcune delle più incredibili finali di Champions League che sono andate in scena in questi ultimi anni.

Qual è la più forte squadra d’Europa? Correva l’anno 1954 quando questa semplice domanda iniziò ad evolversi in una vera e propria ossessione, che da lì in avanti avrebbe fatto sbarellare generazioni di presidenti di calcio, allenatori, giocatori e, soprattutto, tifosi. In quell’anno, infatti, Gabriel Hanot, l’allora direttore del famoso quotidiano sportivo francese L’Equipe, propose alla FIFA e alla neonata UEFA l’idea di un campionato fra i maggiori club europei, anche in risposta ad un accesissimo dibattito che si era creato su chi fosse la migliore formazione tra Real Madrid, Milan, Honvéd e Wolverhampton, le più portentose del tempo. Insomma, è così che cominciò la nostra cara e vecchia Champions League.

Hanot
Gabriel Hanot (fonte: maisfutebol.iol.pt)

Oggi, all’ormai tramonto della sessantaquattresima edizione di questo torneo, che domani vedrà la sfida finale tra Tottenham e Liverpool al Wanda Metropolitano di Madrid per la conquista del titolo, vi rinfreschiamo la memoria con un revival di alcune delle più incredibili finali che sono andate in scena in questi ultimi anni.

Liverpool-Milan 2005

Certamente uno dei capitoli più tragici di tutta la storia rossonera. Un primo tempo impeccabile da parte del Diavolo, con il goal di Maldini dopo un minuto di gioco e la doppietta di Crespo. Una partita che sembra già chiusa, se non fosse che nella ripresa il Liverpool in appena sette minuti riapre tutto, riportando il risultato sul 3 a 3, grazie alle firme di Gerrard, Smicer e Xabi Alonso. Il ricordo del fastidiosissimo balletto da marionetta ubriaca di Dudek ai calci di rigore, che lo porta a pararne tre su cinque, regalando ai suoi la vittoria finale, è ancora oggi, almeno tra i supporter milanisti, una delle principali cause del classico ‘bestemmione da agricoltore maremmano’.

Shevchenko contro Dudek
Shevchenko vs Dudek (fonte: sporttribune.it)

Real Madrid-Atletico Madrid 2014

È un derby madrileno tutto al sapore di sangria e paella la finale che si disputa allo Stadio Da Luz di Lisbona il 24 Maggio del 2014. I Colchoneros di Simeone, freschi campioni della Liga, sulla carta sono i favoriti ed infatti passano quasi subito in vantaggio con la capocciata di Godin. Il resto del match però è un assedio del Real Madrid, che alla fine riesce ad acciuffare il pari al 93’ grazie alla testa di Sergio Ramos. Ai supplementari l’Atletico si spegne definitivamente ed affonda sotto i colpi di Bale, Marcelo e Ronaldo, consegnando così la ‘Decima’ ai loro acerrimi rivali dopo un pesantissimo 4 a 1 complessivo.

CR7
Cristiano Ronaldo (fonte: gazzetta.it)

Chelsea-Bayern Monaco 2012

C’è qualcosa di peggio che perdere una finale di Champions League? Ebbene sì, cioè perderla giocandola in casa davanti ai propri sostenitori. Questo è quello che è tristemente successo al Bayern Monaco nel 2012 proprio tra le mura dell’Allianz Arena, quando alla rete di Muller all’83’, che sblocca di fatto la gara negli ultimi minuti, risponde quella di Drogba all’88’, che permette ai Blues non solo di sperare ancora, ma poi di trionfare ai calci di rigore. Un incubo terribile per i Tedeschi, che nemmeno cinquanta boccali della più buona Hofbräu sarebbero in grado di cancellare.

Drogba
Didier Drogba (fonte: independent.co.uk)

Inter-Bayern Monaco 2010

Nodo alla gola e lacrimuccia facile all’occhio per tutto il popolo fedele al Biscione. È il 2010, è lo sbalorditivo anno del Triplete dell’Inter: Serie A, Coppa Italia e Champions League, quest’ultima tornata nella bacheca nerazzurra dopo quarantacinque anni esatti dall’ultima, grazie alla straordinaria doppietta di uno straordinario Milito nella finale contro il Bayern Monaco al Santiago Bernabeu, come coronamento di una stagione davvero unica. E a tutti gli invidiosi qualcuno replicherebbe così: “No è problema mio”.

Milito vs Bayern Monaco
Il goal di Milito in finale contro il Bayern Monaco (fonte: calciatoribrutti.com)

Milan-Juventus 2003

C’erano una volta le superpotenze italiane; c’era una volta in cui alle semifinali di Champions tre squadre su quattro erano italiane e due di queste arrivavano in finale. Ma, intanto, per non alimentare false illusioni, dico subito che la risposta è sì, la Juve ha perso anche in quella occasione. A salire sul tetto del mondo quella sera infatti è il Milan di Carletto Ancelotti, che batte i Bianconeri 3 a 2 ai rigori, dopo comunque un confronto combattutissimo da entrambi i lati, tra miracoli di Buffon su Pippo Inzaghi e traverse centrate da un allora spelacchiato Antonio Conte, ancora lontano dalla sua criniera attuale. L’immagine di Paolo Maldini e Gianluigi Buffon che entrano sul campo ridendo e scherzando, come due vecchi amici che si incontrano al calcetto della Domenica, è qualcosa che ancora oggi fa venire i brividi.

Buffon e Maldini
Buffon e Maldini alla finale di Old Trafford (fonte: acmilan.com)

E che altro aggiungere amici. L’inconfondibile musichetta che accompagna le squadre prima del fischio di inizio, le giocate pazzesche di campioni stellari; le reti da cineteca e quelle che arrivano agli sgoccioli nei modi più insperati ed impensabili; le esultanze, la rabbia, le speranze, i desideri di intere città; i sogni, la gioia o la delusione finale, la gloria eterna. Tutto racchiuso in una sola competizione. Per chi ancora non lo avesse capito: This is the Champions.

Tartaglione Marco

Share.

About Author

Lascia un commento