Lutto e amicizia si scontrano in “Dead to me”

0

In ‘Dead to me’, una vedova fa una bella amicizia, ma piena di segreti, dopo la morte di suo marito.


Rilasciato poco tempo dalla piattaforma streaming, Netflix, la serie Amiche per la morte, o Dead to Me, racconta la storia di Jen (Christina Applegate), una vedova che ha perso il marito in un tragico incidente. L’uomo è stato investito e il responsabile non è mai stato scoperto.

Una scena della serie, fonte: Divulgazione.

La premessa della storia ci fa pensare a una trama sul superamento, l’amore e le relazioni familiari, ma la serie in realtà ci porta tutto il suspense e l’ansia  di sapere come è successo il tutto, con un po’ di dramma e dubbi su ciò che potrebbe accadere e una specie di humor triste, mentre cerchiamo di accompagnare tutte le faccende. 

Jen sta vivendo il momento peggiore della sua vita dopo essere diventata vedova, con due figli da crescere e una suocera meschina da sopportare. Molte cose le creano angoscia, specialmente il fatto di non sapere chi ha ucciso suo marito e dover fare pressione sulla polizia per risolvere il caso.

Nella ricerca di un modo per affrontare questo lutto, inizia a frequentare un gruppo di supporto chiamato “Amici del Paradiso”. Molto ben accolta dal gruppo e sforzandosi al massimo per essere lì, Jen fa tantissime smorfie quando deve fare alcuni “rituali” che la dovrebbero aiutare, mostrando un’amarezza che, sebbene triste, è piuttosto divertente.

Jen (Christine) e Judy (Linda) in una scena della serie, fonte: Netflix.

Nel gruppo di supporto, Jen incontra Judy – interpretata dalla magnifica Linda Cardellini – che si avvicina presto alla vedova. La connessione tra le due avviene velocemente, una diventa il supporto dell’altra in un momento così difficile che è superare la perdita di una persona cara o di un familiare. L’interazione tra le due attrici, tra l’altro, può essere considerata il  momento clou della serie.

Inizialmente, l’approccio un po’ forzato di Judy a Jen sembra strano, spaventoso e affrettato. Ma alla fine riesce a conquistare la sua fiducia, e per un certo periodo di tempo sembra indifesa.

Una scena della serie, fonte: Divulgazione.

Nel corso degli episodi, arrivano colpi di scena dietro colpi di scena. È difficile commentare gli eventi senza spoilerare, ma la serie finisce per mostrare come sono realmente le persone e perché agiscono come fanno. Judy, nonostante sia presentata come attrice non protagonista, è la star della serie non solo per la recitazione, ma per l’intensità con cui le sue azioni hanno un effetto sulla sceneggiatura. È un personaggio abbastanza controverso in diversi momenti. 

In Dead to me, è difficile dire chi è il bravo ragazzo e chi è il cattivo, chi ha ragione o chi ha torto, perché tutto accade come conseguenza di qualcosa. Un grandissimo effetto a cascata. Speriamo per una seconda stagione. 

Dead to me può essere visto su Netflix. 

Share.

About Author

Ventitreenne, ex studente di giornalismo alla PUC-PR. Probabilmente il più grande fan di Sir Alfred Hitchcock e dell'orrore. Ma anche un amante dei film "trash", serie TV e Netflix. Lettore accanito di fumetti e libri di ogni tipo, appassionato del Piccolo Principe.

Lascia un commento