Per rimanere senza parole, vivo apex 2019

0

Ancora una volta, Vivo si presenta al MWC 2019 con un device a dir poco rivoluzionario. Ancora una volta, però si tratta di un prodotto che non comparirà sul mercato così come è stato descritto. Ma siamo ragionevolmente sicuri che stupirà il pubblico. Innanzitutto partiamo dalla scocca: interamente in vetro. Senza tasti fisici, ha un lettore di impronte digitali avveniristico, e una ricarica magnetica. Situata nella parte posteriore, può essere utilizzata anche come trasferimento dati, essendo totalmente privo di fori. Dando per assunto questo, è facile immaginare che il comparto audio di Vivo sia wireless, come gli ultimi device prodotti dalle maggiori case concorrenti. I pulsanti fisici sono stati sostituiti da 3 pulsanti a pressione virtuale, collocati nella parte destra dello smartphone.

Continuando ad esaminare le novità, dobbiamo citare il sistema di gestione dello spazio. Che contribuisce a far risparmiare il 20% dello spazio, dando spazio alla componentistica che consente la connettività 5G. La scheda tecnica, che non è il punto focale del device include un processore Qualcomm Snapdragon 855 con 12 GB di RAM e 512 GB di memoria interna. La doppia fotocamera posteriore utilizza componenti da 12 e 13 megapixel, mentre purtroppo manca la frontale.

Un particolare che desterà stupore, è il lettore di impronte. Non è fissato in un determinato punto, ma tutto lo schermo è in grado di sbloccare il device.

Arrivederci al prossimo articolo!

Valeria Tresoldi

Share.

About Author

Sono un piccolo Pokémon fuoco geneticamente nerd. Per il resto degli umani, sono una ragazza.

Lascia un commento