Polignano, il piatto migliore è la carne scaduta

0

Blitz della Guardia Costiera su tutto il litorale: maxi multa per due dei ristoranti più esclusivi di Polignano. Sequestrati 8 chili di carne e 163 chili di pesce.

A Polignano a Mare, nota località turistica pugliese, la Guardia Costiera ha effettuato ispezioni a sorpresa in alcuni dei migliori locali del borgo: Grotta Palazzese e La Tana Marina.

Grotta Palazzese

Grotta Palazzese
Ristorante Grotta Palazzese (Polignano a Mare) – Photo Credit: grottapalazzese.it

Luci e ombre nella magnifica location di Grotta Palazzese, che ogni anno attira migliaia di clienti facoltosi con le sue scale scavate nelle grotte, l’azzurro del cielo e del mare, l’atmosfera romantica.
Specialità della casa? Un po’ di sano cibo scaduto.
Offerta limitata! (Si spera).

Nei magazzini e nelle cucine del locale, infatti, gli uomini della Guardia Costiera hanno scoperto otto chili di carne scaduti da oltre un mese. Si tratta di manzo wagyu, un pregiatissimo taglio di origine giapponese.

Gli ispettori, inoltre, sono entrati in possesso di 68 chili di pesce, tra cui granchi reali e filetti di spigola, privi di documentazione di tracciabilità: per questo motivo, sono stati sequestrati insieme alla carne scaduta, mentre il titolare è stato sanzionato con una multa di 5500 euro.

La Tana Marina

La Tana Marina
Ristorante La Tana Marina (Polignano a Mare) – Photo Credit: minube.it

Nel lido di Cala Paura, la Guardia Costiera ha setacciato magazzini, frigoriferi e cucine di un altro noto locale della zona: il ristorante La Tana Marina. Come nella Grotta Palazzese, la Direzione Marittima ha rilevato 95 chili di pesce privi di etichettatura.

Senza etichetta non è stato possibile risalire alla data di congelamento del prodotto né, di conseguenza, a quella di scadenza. Per questo motivo, anche in questo caso, il materiale è stato sequestrato e bollato come “prodotto di provenienza sconosciuta”.
Il titolare dovrà pagare una multa di 1500 euro.

Polignano, i controlli continuano

La Guardia Costiera ha dichiarato che le indagini continueranno nei prossimi giorni, anche nei locali meno esclusivi. Un comunicato che mette in allerta tutta la filiera gastronomica di Polignano: dai ristoratori ai pescatori, passando per i commercianti di pesce.

Guardia Costiera
La Guardia Costiera proseguirà i controlli nei prossimi giorni – Photo Credit: lagazzettameridionale.com

Il comandante della Direzione Marittima, l’ammiraglio Giuseppe Meli, ha invece consigliato ai consumatori di “prestare sempre la massima attenzione, nella fase di acquisto e consumazione del prodotto ittico”.

Avvertiti, non è tutto oro quello che luccica.

Share.

Lascia un commento