Pose, seconda stagione: tenerezza in mezzo al caos

0

Anche con problemi di sceneggiatura, la seconda stagione di “Pose” è una celebrazione della diversità e una delle serie televisive più necessarie.

Il potere di Pose è maggiore della sceneggiatura stessa. E lo dico perché, sebbene la produzione di Ryan Murphy, Steven Canals e Brad Falchuk abbia dei problemi, Pose riesce a mantenere intatta la sua qualità e pertinenza. Come la prima stagione, la serie quest’anno ci presenta una storia commovente e personaggi assolutamente veri. In ogni scena, lo spettacolo respira intensità.

Dopo un salto di tre anni nella storia, Pose ci porta al 1990. La strategia degli scrittori era di arrivare al momento del rilascio della canzone di grande successo di Madonna “Vogue”, che fece luce sulla comunità LGBTQ+ e dei ‘Ball’, che per anni viveva nell’ombra della periferia. Blanca (Mj Rodriguez) e i suoi figli Angel (Indya Moore), Damon (Ryan Jamaal Swain) e Papi (Angel Bismark Curiel) rimangono uniti, ma a poco a poco ciascuno si fa la propria strada, con Damon che diventa un promettente ballerino e Angel una modello internazionale.

Poster promozionali della seconda stagione, fonte: Divulgazione

Elektra (Dominique Jackson), stanca di vivere nella casa dell’evangelista, finisce per fondare una nuova famiglia, la casa dei Wintour, e ottiene un lavoro ben pagato, anche se un po’ bizzarro. Pray Tell (Billy Porter) continua a guidare il ‘Ball’, ma la sua salute è già indebolita dovuto alla diffusione del virus dell’HIV allo stesso tempo in cui scopre l’importanza di impegnarsi nell’attivismo per richiedere un trattamento decente per persone sieropositive.

Oltre ai personaggi principali, il secondo anno di Pose evidenzia anche altri volti, un enorme successo narrativo. Chi attira l’attenzione è Candy (Angelica Ross), in uno degli episodi più forti della stagione. Lasciando da parte il sollievo comico, Candy ottiene uno sfondo più complesso, soprattutto mostrando il rischio e la violenza a cui i transessuali sono esposti essendo emarginati dalla società, specialmente negli anni ’90. La realtà è molto più di un episodio di RuPaul’s Drag race.

Se nel primo anno la serie ha portato fascino in mezzo al dramma, quest’anno ci consegna una narrazione più urgente e oscura, ma senza perdere la delicatezza e la speranza. L’epidemia di AIDS si diffonde senza il minimo sostegno del governo e Blanca e Pray Tell corrono contro il tempo. Sebbene un nuovo farmaco porti qualche speranza, molti amici continuano a morire e partecipare ai funerali diventa routine.

Una scena della serie, fonte: Divulgazione

Come per il telefilm di Normal Heart, Ryan Muprhy e gli scrittori sono in grado di interpretare il dramma sull’AIDS in un modo molto crudo e sorprendente. Le persone più povere non hanno accesso all’ultimo farmaco, l’AZT, e il pregiudizio contro le persone sieropositive continua anche dopo la morte, poiché anche seppellire un amico è difficile quando tutti hanno paura di possibili contaminazioni e ostacolano il rilascio del corpo. Diverse persone sono seppellite in fosse comuni dal governo su terreni lontani dalla città.

È vero che la sceneggiatura si perde quando pensiamo allo sviluppo dei personaggi. Quest’anno ci sono molti problemi tra gli episodi, quando alcune situazioni sembrano forzate solo per creare una situazione a favore della narrazione, come l’atteggiamento di alcune persone, come Damon e Angel, o la mancanza di sviluppo di Candy, che potrebbe avere un impatto molto maggiore se prima avessero sviluppato meglio il suo personaggio. Un altro problema è che gli scrittori sembravano determinati a creare momenti chiave per far emozionare il pubblico, il che ha sminuito un po’ il flusso della narrazione.

Tuttavia, questi contrattempi non influiscono sull’impatto di guardare Pose. Con ogni scena, la serie porta una verità nel suo testo che influenza lo spettatore, in particolare la comunità LGBTQ +. Portando discorsi e situazioni comuni nella vita di tutte queste persone, la serie ha piccoli momenti di grandezza che emozionano.

Il bello è che in ogni scena, episodio e dialogo è visibile il coinvolgimento dell’intera squadra nella creazione di qualcosa di speciale. Pertanto, anche con i problemi già menzionati, la serie ha un’anima, perché tutti i soggetti coinvolti vivono o hanno vissuto buona parte di ciò che viene mostrato sullo schermo. Billy Porter e il suo Pray Tell sono una vera valanga che porta intensità in ogni scena e aspetto. Il suo lavoro quest’anno è degno di premi, essendo uno degli attori più intensi della serie.

MJ Rodriguez e Billy Porter in una scena della serie, fonte: Divulgazione

MJ Rodriguez si è evoluta come attrice e trasforma la sua Blanca in un personaggio ancora più commovente, soprattutto quando vediamo che la sua vita sembra essere un susseguirsi di fallimenti, con piccoli “assaggi” di vittoria. Guardando tutti i suoi figli seguire le proprie strade, Blanca finisce sola, anche se circondata da amici, in una scena malinconica e significativa. Dominique Jackson acquisisce anche molta più complessità, ispirando forza e vulnerabilità.

La semplice esistenza di Pose nella televisione americana in prima serata la rende importante. È la storia di una comunità che sopravvive, anche quando i suoi membri vengono decimati, da malattie o pregiudizi. È una serie che deve esistere. È una delle poche produzioni in grado di parlare di diversità coinvolgendo un team davvero diversificato. Ed è una delle poche serie che ci ricorda la bellezza della vita e l’importanza della resilienza. Continueremo a resistere, anche nel caos.

Per coloro che non hanno ancora visto la prima stagione di Pose, può esse vista su Netflix

Share.

About Author

Ventitreenne, ex studente di giornalismo alla PUC-PR. Probabilmente il più grande fan di Sir Alfred Hitchcock e dell'orrore. Ma anche un amante dei film "trash", serie TV e Netflix. Lettore accanito di fumetti e libri di ogni tipo, appassionato del Piccolo Principe.

Lascia un commento