Rock Memories#14: DAVID BOWIE di Ziggy Stardust

0

Rock Memories#14: DAVID BOWIE di Ziggy Stardust. 

Rock Memories è un modo di ricordare artisti di oggi e di ieri legati alla mia vita, una vita che ha una sola passione: quella per la musica ed il rock in particolare, strizzando un occhio ai vinili che fanno parte della mia collezione.
Condividere periodicamente con voi i miei ricordi sarà come creare insieme una colonna sonora: ognuno di noi ha giorni felici e meno felici che la musica, come per magia, può riportare alla mente e suscitare #emozioni evocare #volti e farci #sognare “
Pasquale Colosimo

Rock Memories#14: DAVID BOWIE di Ziggy Stardust.

Novembre 

Le giornate cortissime e buie; noi eravamo sempre lì davanti alla Chiesa Madre, il nostro ritrovo, sulle nostre panchine.
Faceva freddo, il mio paese si trova ai piedi della Sila a 900 metri slm per l’esattezza, quindi tutti con sciarpa e cappucci.

Come sempre eravamo lì a cazzeggiare. In quel periodo avevamo stretto amicizia con un altro gruppetto di ragazzi di un paesino non vicinissimo al nostro, perché uno di loro era a sua volta il compagno di scuola di uno di noi. Quelle scuole superiori che frequentavamo e che si trovavano lontane dai nostri paesi, a Catanzaro, e che ci costringevano ogni mattina a svegliarci alle 6:00 per prendere la corriera che passava presto… che incubo a ripensarci ancora oggi!

Quindi, stanchi di quelle alzatacce, ogni tanto andavamo con la mia 127 bianca, lo stereo acceso a palla ovviamente con le cassette degli artisti di cui in quel momento eravamo innamorati. Ricordo che in quei giorni ascoltavamo i Deep Purple, il gruppo preferito del tizio del pub dove andavamo sempre la sera. Magari poi vi racconterò anche qualcosa di lui e del pub dove abbiamo passato pomeriggi e serate indimenticabili… ma questa è un’altra storia ovviamente!

Comunque sia, decidemmo quel pomeriggio di andare a trovare questo amico, anche perché erano un paio di giorni che non si faceva vivo a scuola. A quell’epoca non avevamo i telefonini e a casa non potevamo telefonare perché sua mamma sapeva che se uscivamo insieme, qualcosa combinavamo e quindi dovevamo assolutamente evitare le telefonate!

Prima di partire ci furono qualche altra sigaretta e qualche altra risata, così quando finalmente ci decidemmo ad andare, io con altri amici, arrivammo lì che era già tardi.
Lui viveva in campagna, in una bella casetta, e la sua stanza si trovava sul retro. Allora noi, parcheggiata la macchina come al solito sulla strada, andammo a piedi dietro casa, guardammo dalla finestra e lui era li, che fumava una sigaretta.
Bussammo e ci aprì la finestra e ci raccontò che stava in punizione perché aveva distrutto il motorino del fratello maggiore. Per fortuna lui non si era fatto male, ma non poteva uscire.

Anche lui ascoltava bella musica, infatti era nostro amico non a caso, e sul letto, sulla scrivania, sulla sedia insomma dappertutto in giro per la stanza c’erano tanti cd. Uno in particolare catturò la mia attenzione, perché pur avendolo visto al negozio, mancava nella mia collezione.

Il cd era Ziggy Sturdust di DAVID BOWIE. Gli chiesi di farcelo ascoltare, lui non si fece pregare, lo mise nel lettore e schiaccio play.

Wow! Alle prime note di Five Years me ne innamorai subito!

The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, spesso indicato semplicemente come Ziggy Stardust, è il quinto album in studio dell’artista pubblicato nel 1972.

Si trova al 35º posto nella lista dei 500 migliori album della rivista Rolling Stone, al 23º posto in quella di New Musical Express e al 34º posto nella “All Time Top 100” di Melody Maker.

Nel 2006 il Time lo ha incluso tra i migliori 100 album di tutti i tempi e contiene canzoni tra le più famose e amate dai fan di Bowie, da Starman a Ziggy Stardust, Suffragette City e Rock ‘n’ Roll Suicide.

A parte le tracce citate prima c è ne una che io amo in particolare, moonage daydream brano che vi consiglio di ascoltare con particolare attenzione: la chitarra di Mick Ronson fa venire la pelle d’oca! Questo pezzo io lo ascolto sempre con gli occhi chiusi, mi porta veramente su un altro pianeta…

DAVID BOWIE da quel giorno non è mai andato via dalla mia vita e dopo aver collezionato tutti i suoi cd, adesso colleziono i suoi vinili. Me ne mancano ancora un bel po’ ma riuscirò ad averli tutti un giorno…
A proposito sabato mi sa che c’è la fiera del disco qua a Roma…

…ma questa è un’altra storia!

L’artista:

David Bowie, pseudonimo di David Robert Jones (Londra, 8 gennaio 1947 – New York, 10 gennaio 2016), è stato un cantautore, attore e pittore britannico. David Bowie ha costituito una figura molto importante e influente all’interno della musica pop e rock per circa cinque decenni, viene inoltre considerato uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi

L’album:

The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars

2. Five Years
3. Soul Love
4. Moonage Daydream
5. Starman
6. It Ain’t Easy
1. Lady Stardust
3. Star
4. Hang On to Yourself
5. Ziggy Stardust
5. Suffragette City
6. Rock ‘n’ Roll Suicide

Share.

About Author

Mi chiamo Pasquale Colosimo e sono nato il 27 ottobre del 1976 a Sersale, un piccolo paesino della Calabria Ionica. Ho frequentato un corso di specializzazione fotografica presso l’Istituto Europeo di Design (I.E.D.) di Roma, citta’ dove ormai risiedo dal 2011. Amo Robert Smith e i suoi Cure, colleziono vinili e vado in giro a fotografare concerti.

Lascia un commento