Rugby Championship | Inizia l’assalto agli all blacks

0

Sabato inizia il Rugby Championship, caccia ai campioni in carica degli All Blacks. Australia, Sudafrica e Argentina provano l’assalto ai campioni del mondo.

Questo sabato comincia il The Rugby Championship, il torneo dell’emisfero sud che vede coinvolte le squadre di Nuova Zelanda, Australia, Sud Africa e Argentina darsi battaglia per la conquista del trofeo. Sarà caccia ai campioni in carica All Blacks.

Quest’anno sono molto le incognite che può riservare questo torneo, con un occhio alla coppa del mondo e quello che è successo nel Super Rugby. Le nazionali staranno attente a preservare le forze giocando con molti cambi in vista dell’imminente inizio del trofeo continentale in Giappone. Inoltre dopo la strepitosa stagione dei Jaguares nel Super Rugby chissà se vedremo l’Argentina dare il tutto per provare a contendersi il titolo per la prima volta nella propria storia. Andiamo a dare uno sguardo alle date da segnare sul calendario e ai titoli in palio.

Rugby Championship e non solo

Il campionato delle nazioni dell’emisfero sud arriva all’ottava edizione quest’anno, da quando nel 2012 è entrata a far parte anche l’Argentina. I campioni in carica del torneo sono gli All Blacks che cercheranno di andare a caccia del settimo sigillo, infatti solo in un’occasione la Nuova Zelanda non ha potuto alzare il trofeo, nel 2015 quando a trionfare è stata l’Australia. Poi c’è anche il Sudafrica che ancora non ha mai vinto questo torneo e non riesce a vincere un titolo dal 2009. Infine l’Argentina che vuole dare conferme dei buoni risultati arrivati nel Super Rugby con la franchigia dei Jaguares.

Non solo il trofeo iridato in palio ma tra le nazionali che si affronteranno ci saranno diverse coppe da disputare all’interno del torneo.

Su tutte le leggendaria Bledisole Cup tra Wallabies e All Blacks, una sfida giocata su 3 partite (due da giocare durante il Championship), chi ottiene due vittorie può alzare il trofeo. Quest’anno data la presenza della Rugby World Cup le partite saranno solo due. La prima durante l’ultima giornata del campionato, la seconda una settimana dopo.

La Freedom Cup, ovvero la coppa della libertà, si gioca tra il Sud Africa e la Nuova Zelanda. Trofeo istituito nel 2004 per festeggiare i 10 anni dalla fine dell’Apartheid. A detenere il titolo è la Nuova Zelanda.

Il Sud Africa si giocherà anche la Mandela Challenge Plate, contro l’Australia che l’anno scorso ha ottenuto il titolo. Come la Bledisole Cup il trofeo viene assegnato su una sfida di tre gare. chi ne vince due si porta a casa il trofeo.

Anche l’Argentina si giocherà il suo trofeo contro l’Australia, il Puma Trophy, istituito nel 1979 tra le nazionali argentine che sfidavano quelle australiane, dal 2012 è entrato a far parte del Rugby Championship.

Kieran Read alza la bledisole cup durante il rugby championship
Kieran Read alza la Bledisole Cup – credit: RNZ

Giornata 1

La giornata d’esordio avverrà questo sabato quando a scendere in campo saranno il Sud Africa contro l’Australia alle ore 17:05 all’Ellis Park di Johannesburg. A seguire i Pumas argentini ospiteranno i campioni in carica del torneo e del mondo della Nuova Zelanda

  • Sud Africa V Australia – 20 luglio ore 17:05
  • Argentina V Nuova Zelanda – 20 luglio ore 20:05

Giornata 2

La seconda giornata si gioca il 27 luglio e inizia subito coi botti, a sfidarsi a Wellington ci saranno All Blacks contro gli Springboks, che sarà un’anticipazione della sfida che vedremo al mondiale in Giappone nel gruppo dell’Italia, nell’altra sfida l’argentina vola in Australia per la sfida ai Wallabies.

  • Nuova Zelanda V Sud Africa – 27 luglio ore 9:35
  • Australia V Argentina – 27 luglio ore 11:45

Giornata 3

La terza e ultima giornata si gioca il 10 agosto e a sfidarsi saranno Australia contro All Blacks per la Bledisole Cup, invece i Pumas ospitano gli Springboks

  • Australia V Nuova Zelanda – 10 agosto ore 11:45
  • Argentina V Sud Africa – 10 agosto ore 21:40

Le partite saranno visibili in diretta su Sky Sport 1. Sarà un campionato tutto da seguire tra le migliori nazionali del mondo. Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica e Argentina saranno pronti a darci spettacolo.

Share.

Lascia un commento