‘Russian Doll’: morire di nuovo, per poter tornare indietro nel tempo

0

Al morire nel giorno del suo compleanno, la protagonista di ‘Russian Doll’ torna nel tempo per tentare fare le cose in modo migliore. 

Una scena della serie, fonte: Divulgazione

Morire, tornare indietro nel tempo e morire di nuovo. È così che siamo introdotti alla serie Russian Doll già all’inizio. In un’altra produzione che promette di confonderci, proprio come ha fatto Black Mirror, Netflix ha appena lanciato sulla sua piattaforma la storia di una donna di nome Nadia, un ingegnere di software che muore nel giorno del suo compleanno.

Prima di continuare, vale la pena sapere che il nome della serie è stato dato in onore alle Matrioska, bambole russe realizzate principalmente in legno che si incastrano l’una nell’altra. Cioè, è una bambola dentro una bambola dentro un’altra bambola. Questa informazione può essere utile per capire la storia.

Dopo essere stata investita da un taxi mentre cercava di salvare il suo gatto fuggitivo Oatmeal, Nadia torna sulla scena in cui è iniziata la serie: all’interno del bagno, a casa della sua amica, alla sua festa di compleanno. Questa situazione si verifica ripetutamente negli otto episodi di Russian Doll, ma le morti avvengono in modi diversi. La morte più ripetuta è quando cade da una scala subito dopo la scena del bagno.

Come fa a tornare alla scena del bagno? Beh, tutto indica che, Nadia torna nel tempo e che deve fare tutto per “bene” questa volta per non morire, cercando di cambiare il flusso del percorso che fa fino al momento della sua morte in modo che non accada nessun incidente.

Una scena della serie, fonte: Divulgazione

Nel corso della storia, finisce per incontrare un ragazzo che affronta la stessa situazione di tornare indietro nel tempo dopo la morte, ricordando sempre tutto ciò che è successo e insieme cercano di risolvere il caso.

Forse la serie confonde lo spettatore, che può immaginare che sia una storia paranormale o extraterrestre. In effetti, la trama ci da abbastanza indizi da poter relazionare la storia con una situazione di altre dimensioni, ricordando la premessa di Interstellar (2014).

Con solo otto episodi, la serie non si trascina e tutti i dettagli fanno sì che lo spettatore si concentri sullo schermo, non solo per la qualità della produzione, ma per non perdere un momento che può essere decisivo per il gran finale.

Poster ufficiale della serie, fonte: Netflix

La sua chiusura è eccellente, e per alcuni potrebbe essere difficile da capire e non causare un senso di “dovere compiuto”. Tuttavia, offre una grande risposta a ciò che la trama e questo avanti e indietro dalla morte rappresentano. Spesso, non c’è bisogno di una spiegazione, ma piuttosto di un’apertura per varie ipotesi e riflessioni critiche. E questo è esattamente ciò che fa Russian Doll.

La serie potrà essere più azzeccata soltanto se non ci saranno altre stagioni (Netflix deve imparare quando fermarsi) in modo da non rovinare qualcosa di eccellente. Puoi guardare Russian Doll su Netflix.

Share.

About Author

Ventitreenne, ex studente di giornalismo alla PUC-PR. Probabilmente il più grande fan di Sir Alfred Hitchcock e dell'orrore. Ma anche un amante dei film "trash", serie TV e Netflix. Lettore accanito di fumetti e libri di ogni tipo, appassionato del Piccolo Principe.

Lascia un commento