Sponz Fest: dal 21 al 26 Agosto Calitri la sesta edizione del festival dell’Alta Irpinia Dal 21 al 26 Agosto a Calitri torna il celebre festival dell'Alta Irpinia ideato e diretto da Vinicio Capossela

0

“Salvagg- Salvataggi dalla Mansuetudine”è questo il titolo scelto per sesta edizione dello Sponz Fest rassegna pluriculturale, poliedrica e antropologicamente dedicata ai territori dell’Alta Irpina e dei Calitri ideata e diretta da Vinicio Capossela. Dal 21 al 26 Agosto (con un anteprima il 19) la rassegna ingloberà i temi della salvazione e del selvatico visti come evasione dalla mansuetudine. L’Iripinia, sempre terra di lupi,faine e del legame tra uomo e animale camminerà tra le strande dello Sponz, per indagare, evadare, ma anche indagarsi, per allargare i confini e scoprirne di nuovi, per attraversare i limiti che ci vogliono tra restrizioni limitanti, fare del selvatico un metodo esorcizzante.

Conferenza Stampa
(Foto dal Web)

Una settimana di incontri, happening, reading e perfomance, tra teatro,musica, e cinema. Per un settimana il centro storico di Calitri e altri cinque comuni limitrofi  dell’Alta Irpina saranno il cuore dello Sponz Fest 2018. Si inizierà il 19 Agosto con un anteprima insieme a Michele Murgia e Marco Aime. Grandi protagonisti saranno i rappresentati del popolo Manuche. Popolazione proveniente dal sud di Argentina e Cile, riconosciuti come “Nazione”dai conquistatori europei porterrrano i loro rituali, balli e danze all’interno dello Sponz. Tradizione ma anche suoni che supereranno i confini come quelli del duo americano A Hawk A Hacksaw  affascinato dall’Est Europa, che porteranno gli spettatori,  tra Santur Persiani, musica rurale e selvatica  in viaggio tra Turchia, Grecia, Romania e Albania.  Il 22 agosto il primo dei grandi appuntamenti con Angelo Branduardi Giannangelo De Gennaro in una reinterpretazione dell’album Camminando Camminando del 1996, il giorno seguente, 23 agosto, lo spettacolo visivo musicale Music for Wilder Mann dell’artista Teho Tehardo con la partecipazioen straordinaria del fotografo Charles Freger. Lo spettacolo Tifiamo Rivolta sancirà per il secondo anno consecutivo, la collaborazione con il chitarrista emiliano  co-fondatore dei CCCP, Massimo Zamboni, anche esso legati ai territori dell’Arta Irpina.

Angelo Branduardi
(Foto dal Web)

Il 25 Agosto l’attesa sarà tutta per la “Notte Selvaggia”all’alba al tramonto le maschere Krampus, Merdules, Rumiti, percorreranno le vie del paese con i loro riti tradizionali, selvaggi, in un legame tra uomo-animale e uomo albero, in una rievocazione ancestrale, antropologica aperta dal concerto dello stesso Vinicio Capossela insieme allo scrittore Massimo Borrelli  “Nta- La Cupa

Massimo Zamboni
(Foto dal Web)

luogo originario da dove tutto prende vita. Diavoli, punizioni,  maschere e boschi, si uniranno al corpo della cittadina di Calitri in un rito evocativo tra storie e racconti. Poi il il ritorno dellaLibera Universita per Ripetenti” e lo “Sponzamento al Ballodromo di Palazzo Giolitti”. Il primo cavalcherà il tema dell’ “controaddomesticamento” con incontri e tavole rotonde su archelologia, attualita e politica, il secondo invece con gli”Omaggi a 68 giri” dove la band celebre  dei “I Corvi” ricalcherà l’eta d’oro del beat italiano e l’appuntamento con l’attore Marcello Fonte (Palma d’Oro a Cannnes con il film “Dogman” di Matteo Garrone) presentatore dlel film Wild Trinacria. Protagonisti dello “sponzamento” saranno poi anche l’armonica di Giuseppe Milici, la Scuola di Tarantella Montemaranese  e la Skunkuruti Band e Le Matrioske. Ogni sera in una località segreta protagonisti i “Voltaggi Selvaggi” di musica elettronica curati da Angelo Martin Maffucci, la grande chiusura dello Sponz Fest il giorno 26 Agosto con il pianista Stefano Nanni a Sant’ Angelo dei Lombardi all’Abbazia del Goleto. ll pianista dirigerà l’orchestra dell’Accademia degli Allievi del Conservatorio di Avellino in un “Requiem per Animali Immaginari”. Lo Sponz da sempre attento al territorio dell’Alta Irpinia ma musicalmente e culturalmente senza confini e diventato negli ultimi sei anni uno dei  festival piu’importanti del sud d’ Italia traportando con se e diffondendo attraverso la direzione del maestro Vinicio Capossela tutte le peculiarità immaginarie, leggendarie, storiche e culturali di una terra ricca di storia e di fascino come quella Irpina.

Sergio Cimmino

 

Share.

About Author

Redattore musicale, giornalista e autore radiofonico. Collabora dal 2012 per diverse testate e web-radio. Ricercatore musicale e appassionato di storia della musica ama la cultura a 360 gradi. Sempre in cerca di nuovi progetti e idee stimolanti ha musicato e selezionato colonne sonore per spettacoli teatrali.

Lascia un commento