La storia dei David di Donatello: una porta che si apre

0

Quest’anno avrà luogo la 63° edizione dei premi David di Donatello. Dagli anni ’50, I David sono uno dei simboli della rinascita dell’industria cinematografica del dopoguerra.

David di Donatello 2017 (foto dal web).
David di Donatello 2017 (foto dal web).

Open Gate Bar

 Intorno all’Open Gate Bar vengono fondati già all’inizio degli anni ’50 quei comitati da cui poi nasceranno i premi David di Donatello. Le prime tappe dei David:

  • Nel 1953 viene fondato il Comitato per l’Arte e la Cultura.
  • Nel 1954, il Circolo Internazionale del Cinema; dal 1955, Club Internazionale del Cinema.
  • Nel 1958 l’Agis e l’Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali) ne diventavano gli Enti Promotori e lo associano alla Rassegna Internazionale Cinematografica di Messina.
  • Nel 1963, guadagna l’autonomia dall’Open Gate da cui era nato. 

Proprio nel 1955 vengono istituiti i Premi David di Donatello chiamati così per la statuetta (riprodotta in oro da Bulgari) raffigurante l’opera omonima di Donatello. I premi erano assegnati alle migliori produzioni cinematografiche sia italiane che straniere.

I David di 27 anni più giovani degli Oscar ( i primi Premi Oscar risalgono al 1929) imitavano i criteri dei loro cugini americani, cercando fin da subito di situarsi all’interno di un panorama internazionale ma anche simboleggiando la grande voglia di riemergere della cultura italiana nel secondo dopoguerra.

“L’Open Gate Club. Il suo simbolo era una porta che si apriva: per accogliere i tempi nuovi e tutti quelli, soprattutto stranieri, che, chiusa la parentesi buia della guerra, tornavano a darsi Roma come meta privilegiata, soprattutto dal punto di vista culturale.”

Piera Detassis, presidentessa dell’Accademia del cinema italiano

L’imprenditore e politico, Italo Gemini era l’allora presidente del Club Internazionale del Cinema (carica ricoperta dal 1955 al 1970) oltre che presidente dell‘Agis (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo).

Locandina del film Racconti Romani di Gianni FRANCIOLINI  vincitore del premio David di Donatello per la Miglior Regia nel 1956. (immagine dal web)
Locandina del film Racconti Romani di Gianni FRANCIOLINI vincitore del premio David di Donatello per la Miglior Regia nel 1956. (immagine dal web)

Il 1956: l’anno dei primi David di Donatello

Nel 1956, a Roma, nello storico cinema Fiamma, vengono assegnati i primi premi David. Quello per la Migliore regiaviene assegnato a Gianni FRANCIOLINI per il film Racconti romani mentre i premi per la migliore attrice protagonista e il miglior attore protagonista vengono assegnati rispettivamente a Gina LOLLOBRIGIDAper il film La donna piu’ bella del mondo e a Vittorio DE SICAper il film: Pane amore e… 

1956, Gina LOLLOBRIGIDA  con in mano la statuetta del premio David di Donatello per la migliore attrice protagonista per il film La donna piu' bella del mondo.
1956, Gina LOLLOBRIGIDA con in mano la statuetta del premio David di Donatello per la migliore attrice protagonista per il film La donna piu’ bella del mondo.

(qui il link per la cronologia completa dei vincitori dei Premi David di Donatello, dal 1956 al 2018)

Vittorio de Sica, vincitore del premio David di Donatello per il miglior attore protagonista (1956) in una scena del film Pane, amore e ... con Sophia Loren. (immagine dal web)
Vittorio de Sica, vincitore del premio David di Donatello per il miglior attore protagonista (1956) in una scena del film Pane, amore e … con Sophia Loren. (immagine dal web)

Nel corso degli anni si sono aggiunti molti premi:

  • Il premio Europeo (dal 1973 al 1983).
  • Per ricordare Luchino Visconti:Il premio Visconti (dal 1976 al 1995)
  • Il premio René Clair (dal 1982 al 1987).
  • Il Cristaldi (dal 1993 al 1994) per le carriere di prestigio.
David ai più simpatici – David di Donatello 1963  (video da YouTube)

I 2000

Alle porte del XXI secolo, i Premi David di Donatello continuano ad accrescere il loro prestigio. Nel 2007 l’Ente David di Donatello, diviene Accademia del Cinema Italiano mentre 10 anni dopo, nel 2017, l’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello diventa una Fondazione

Nel 2009, il critico cinematografico Gian Luigi Rondi, già presidente dal 1981 viene nominato presidente a vita.

Dal 2018, ricopre la carica di Presidentessa, la critica cinematografica Piera Detassis.

Piera Detassis, presidentessa dell'Accademia del cinema italiano. (foto dal web) David di Donatello
Piera Detassis, presidentessa dell’Accademia del cinema italiano. (foto dal web)

La storia dei premi David di Donatello é ancora oggi quella di una porta aperta che ogni anno ci si spalanca davanti per riconoscere e premiare il grande lavoro che c’é dietro ad ogni film che ci fa emozionare e sognare.

Se volete scoprire i vincitori del 2019 non vi resta che seguire gli articoli della redazione cinema di Metropolitan Magazine Italia!

Qui alcuni link degli articoli di #MMItalia per l’edizione 2019 dei David di Donatello:

Martina Antonini

Share.

Lascia un commento