Sudan, ancora tensioni dopo il colpo di stato

0









fonte: peaceau.org

Dopo 30 anni, i militari hanno deposto il dittatore Omar Al Bashir mettendolo agli arresti domiciliari

Il Dittatore Omar Al Bashir aveva governato incontrastato per 30 anni, ma l’ 11 aprile l’esercito lo ha messo ai domiciliari mettendo fine ad un’epoca che dura da sei lustri. I militari han deciso di formare un governo transitorio presieduto dal Ministro della Difesa Ahmed Awad ibn Ouf che era stato nominato vice di Al Bashir il 23 febbraio scorso.

Ouf ha confermato in diretta Tv un suo governo provvisorio di due anni per preparare il paese alle prossime elezioni, ma ha anche annunciato la sospensione della costituzione nonché di aver dichiarato lo stato di emergenza per i prossimi tre mesi.

Non è stato ben accolto dalla popolazione né dai manifestanti l’annuncio del nuovo Presidente poiché tra le richieste  vi era la richiesta di un governo civile e non militare  perché troppo vicino al vecchio regime.

“Questa è una continuazione dello stesso regime” afferma Sara Abdeljalil dell’Associazione dei Professionisti Sudanesi (SPA) che
ha  organizzato le manifestazioni di piazza di questi mesi. “Quelo che dobbiamo fare è continuare la nostra lotta e la resistenza pacifica”

Nel frattempo la giunta militare  ha fatto sapere che Omar Al Bashir  sarà processato per crimini contro l’umanità.  Bashir è ricercato dalla International Criminal Court per la guerra in Darfur del 2003. La notizia di oggi è che il capo del consiglio militare Awad Ibn Ouf ha deciso di farsi da parte a seguito delle numerose proteste nei suoi confronti poiché veniva indicato come un uomo troppo vicino ad Al Bashir. Il suo successore è Abdel Fattah Abdelrahman Burhan. Per i manifestanti questa è una vittoria che porterà ad una nuova epoca e un governo civile.

Share.

About Author

Soprano, un po' Bocconiana, gattara e amante degli animali. Ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo a 17 anni per una emittente privata parlando soprattutto di calcio, ho scritto sul Torino fc e di ristoranti per una freepress. La lirica è la mia più grande passione, ma non ho mai smesso di scrivere e mai lo farò.

Lascia un commento