“The Umbrella Academy”: Crescere con super poteri non è facile

0

Nuova serie di Netflix, The Umbrella Academy, sorprende abbastanza e ci lascia desiderosi per una seconda stagione. 

Essere un supereroe non sempre si riassume a divise luccicanti e glamour.

Lo scorso venerdì (15), la serie The Umbrella Academy, che adatta i fumetti con lo stesso nome scritti da Gerard Way e disegnata dal brasiliano Gabriel Bá, è arrivata nel catalogo di Netflix.

Dopo aver annullato gran parte delle sue serie di supereroi in collaborazione con Marvel, Netflix investe in un’altra produzione del genere, ma può andar bene adattare una storia poco nota al pubblico mainstream?

Poster ufficiale del film, fonte: Divulgazione

The Umbrella Academy racconta la storia di sette bambini dotati di poteri speciali che sono nati in modi insoliti e, dopo la loro nascita, sono stati adottati da un eccentrico miliardario di nome Sir. Reginald Hargreeves (Colm Feore).

Crescendo, i bambini vengono addestrati da Reginald e dai suoi dipendenti – la scimmia superintelligente di nome Pogo (Adam Godley) e l’androide che fa da madre ai ragazzi (Jordan Claire Robbins) – a diventare supereroi, partecipando a missioni rischiose e crescendo senza amore, qualcosa che risulta in una crescita traumatica e distopica, con gravi conseguenze per la squadra in futuro.

Anni dopo, Reginald muore inaspettatamente, il che fa sì che la squadra, da tempo separata, si riunisca di nuovo per fare l’ultimo saluto al padre adottivo.

Fumetto sul quale la serie si basa, fonte: Divulgazione

Prima dell’incontro, ci viene brevemente presentato il gruppo, che nel presente, cerca di portare avanti le loro vite nonostante i traumi che portano dal passato. Luther / Numero 1 (Tom Hopper), è stato isolato sulla luna per quattro anni, facendo ricerche per volere di suo padre. Diego / Numero 2 (David Castañeda), è diventato un vigilante e usa le sue capacità per detenere i cattivi in ​​città. Alisson / Number 3 (Emmy Raver-Lampman), è una famosa star del cinema la cui vita personale è il caos a causa dei suoi poteri. Klaus / Numero 4 (Robert Sheehan) ancora non sa come controllare le sue abilità ed è diventato un dipendente chimico e ubriacone, come modo per provare a placare i suoi demoni interiori. Il numero 5 (Aidan Gallagher) scomparve misteriosamente quando aveva 13 anni, cercando di usare le sue abilità di viaggiare nel tempo. Ben / Numero 6 (Justin H. Min), tragicamente morto in missione, ma questo non significa che non abbia importanza per la serie. Finalmente arriviamo a Vanya / Numero 7 (Ellen Page), che nonostante sia un abile violinista, afferma di non avere abilità ed è cresciuta all’ombra dei suoi fratelli superpotenti.

Così, la famiglia si riunisce e da lì inizia la trama dei supereroi distopici che rispecchia una sorta di analisi sui bambini considerati prodigiosi attraverso la fantasia dei fumetti.

Come previsto, la serie apporta alcune modifiche rispetto al materiale di base, tuttavia, dobbiamo ammettere che sono necessarie e addirittura migliorano alcune cose. Per essere l’unica della squadra senza poteri, la serie si concentra molto su Vanya, che cerca di esporre la sua ottica di come si sarebbe sviluppata “isolata” da tutta la sua famiglia e credendo di non avere nulla di speciale da offrire al mondo.

Una scena della serie, fonte: Divulgazione

In mezzo alla cerimonia di addio di suo padre, Numero 5 torna misteriosamente dal suo viaggio nel tempo, lasciando tutti perplessi e affermando che il mondo sta per finire, e sta a loro impedire che ciò accada.

Dopo tanto tempo separati, il team non riesce più a lavorare insieme e vediamo quanto ancora ripudiano le loro vite passate, facendo del loro meglio per dimenticarlo. In tutta la serie, vediamo quanto Reginald fosse insensibile, trattando i bambini proprio come topi da laboratorio e un “oggetto che ha comprato”.

Per evitare che la squadra modifichi il corso della storia, appaiono due misteriosi assassini di nome Hazel (Cameron Britton) e Cha-Cha (Mary J. Blige), che cercano numero 5 per ucciderlo. Successivamente, viene rivelato che gli agenti fanno parte di un’agenzia denominata Organizzazione, responsabile della gestione degli eventi spazio-temporali e della prevenzione delle modifiche. Sebbene siano degli assassini mortali all’inizio della serie, i due finiscono per servire più come un sollievo comico e finiamo col creare empatia per entrambi.

Se parliamo di sceneggiatura, devo dire che la produzione non rischia molto, usa una formula semplice per la narrazione, con elementi in cui puoi facilmente intuire cosa succederà e immaginare il risultato della trama prima che accada.

Per quanto riguarda la fedeltà al materiale originale, la serie se la cava. Anche se con alcuni buchi di sceneggiatura ed eventi che necessitavano di un po’ di lucidatura. Ma tutti questi errori narrativi sono compensati da personaggi ben scritti e, cosa più importante, estremamente ben interpretati.

I punti salienti principali sono Klaus e il numero 5, che ogni volta che appaiono, rubano la scena. Mentre Klaus interpreta il tossicodipendente che fa di tutto per drogarsi finché non vede il bisogno di rimanere sobrio, Numero 5 è il vecchio eccentrico intrappolato nel corpo di un adolescente e la performance di Aidan Gallagher è eccezionale.

Aidan Gallagher come Numero 5, grande distacco della serie, fonte: Netflix

Anche se interpreta uno dei personaggi più importanti, Ellen Page offre una delle performance più deboli della serie, con espressioni monotone e noiose, e integra una relazione che non convince nessuno. Cosa che però, dipende dalla sceneggiatura e non dall’attrice. 

Quando parliamo della parte visiva, dovremmo congratularci con tutti coloro che sono coinvolti nella produzione, dal momento che è incredibile! Oltre a trattamenti e inquadrature cromatiche impeccabili, l’intera scenografia è spettacolare, immergendoci davvero nell’atmosfera della trama.

Un altro punto forte sono gli effetti speciali, che sorprendono per la qualità. Pogo, è estremamente realistico e degno di essere paragonato ai film della serie Il pianeta delle scimmie. Le coreografie di combattimento sono abbastanza realistiche, il che è un altro punto a favore della produzione.

La colonna sonora è uno spettacolo a parte, è evidente che la produzione è stata davvero impegnata in questo e voleva creare sequenze che sembravano video clip, che funziona molto bene per la serie.

Una scena della serie, fonte: Netflix

I momenti musicali sono estremamente divertenti ed emozionanti, per non parlare del catalogo invidiabile. Consiglio personale, state col cellulare affianco e usate Shazam

Con pochi difetti, The Umbrella Academy è un adattamento estremamente promettente e divertente che, pur prevedibile, presenta un cast eccezionale e momenti memorabili.

La seconda stagione della serie promette di essere ancora più divertente, tuttavia, dobbiamo sottolineare che forse non possono mantenere la stessa atmosfera e la stessa sinergia della prima stagione, ma questa è una preoccupazione per il futuro. Se stai cercando una serie leggera e divertente, assicurati di guardare The Umbrella Academy, alla fine ti innamorerai dei personaggi e delle loro storie.


Share.

About Author

Ventitreenne, ex studente di giornalismo alla PUC-PR. Probabilmente il più grande fan di Sir Alfred Hitchcock e dell'orrore. Ma anche un amante dei film "trash", serie TV e Netflix. Lettore accanito di fumetti e libri di ogni tipo, appassionato del Piccolo Principe.

Lascia un commento