Us Open amari per l’Italia

0

E’ iniziato la scorsa settimana il quarto ed ultimo dei tornei del Grande Slam, gli US Open. Quest’anno, però, i campi di Flushing Meadows sono stati avari di gioie nei confronti del tennis italiano.

Solo due anni fa vivevamo momenti di gloria a New York con la strepitosa finale tutta italiana tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci. L’edizione 2017 degli Us Open ha regalato comunque un ottimo piazzamento ad uno dei giocatori forse meno talentuosi ma sicuramente con più cuore di tutti, Paolo Lorenzi uscito in 4 set agli ottavi di finale contro il sudafricano Kevin Anderson.

Tra le note negative non si può fare a meno di citare il comportamento censurabile di Fabio Fognini, uscito al primo turno nel derby italiano con Stefano Travaglia. Il talento del tennista ligure è uno dei migliori in circolazione nell’intero circuito mondiale. A prendere il sopravvento sono spesso, però, il suo temperamento particolarmente sanguigno e le conseguenti carenze di applicazione.

(Photo Credits: Ansa.it)

Surriscaldatosi per alcune chiamate errate da parte della giudice di sedia, Fognini ha iniziato ad insultarla in italiano con epiteti a sfondo sessista non riferibili. L’arbitro, che non parla italiano, non si è resa conto della gravità degli insulti ed ha fatto proseguire il match. Ma le telecamere avevano ripreso tutto. Il Grand Slam Board, l’organo direttivo dei quattro grandi tornei del tennis mondiale, ha deciso di squalificare dall’intero torneo il giocatore italiano, ancora in corsa nel tabellone di doppio. L’Atp si è riservata del tempo per decidere su eventuali sanzioni aggiuntive future.

Una macchia che difficilmente potrà essere lavata da Fognini, attualmente miglior tennista italiano numero 26 del ranking Atp. Il ligure ha provato a metterci una pezza scusandosi pubblicamente sui social. In fondo è solo una partita di tennis ha scritto Fabio e forse solo con il suo tennis tutto tecnica e potenza potrà far dimenticare questa brutta pagina.

(foto dal web)

Intanto il torneo va avanti ed oggi sono iniziati i quarti di finale. Tra tutti spicca un match sicuramente da non perdere. Il re dei re Roger Federer se la vedrà con la torre di Tandil, Juan Martin del Potro in una partita che si preannuncia epica.

Share.

About Author

Lascia un commento