Vent’anni di Believe tra “Pop Dance” ed Auto-Tune

0

Amici di #DancePills bentrovati!

“…DO YOU BELIEEEEEEEEEEEEEEEEEEVE IN LIFE AFTER LOVE/I CAN FEEL SOMETHING INSIDE ME SAY ‘I REALLY DON’T THINK YOU’RE STRONG ENOUGH…”

Cover Believe – Immagine dal web

Sono passati già vent’anni da quando la femme fatale della musica Pop propose al grande pubblico la sua “Believe”. Il brano che sconvolse le classifiche di mezzo mondo nel 1998 e vi rimase in vetta per diverse settimane, aveva una formula semplice: un riff di chitarra metallica e un ritornello da cantare a squarciagola grazie all’utilizzo pioneristico dell’Auto-Tune.

Il singolo raggiunse la prima posizione nelle classifiche di 23 paesi e vinse un Grammy Awards nella categoria Best Dance Song. Cher divenne la donna più anziana ad aver raggiunto la prima posizione della classifica ed entra nel primato per aver avuto almeno una canzone nelle top ten mondiali in quattro decadi differenti. A cavallo tra il 1999 e il 2000 venne proclamata “Cantante Femminile dell’Anno” ai Billboard Music Award.

Cher – Foto dal web

“Believe” divenne disco d’oro in Nuova Zelanda, triplo disco di platino in Australia e Belgio, quadruplo in Belgio, quintuplo in Italia. Negli Stati Uniti ha venduto più di 1,8 milioni di copie collezionando 9 dischi di platino, in Francia più di 750mila copie arrivando a 12 dischi di diamante mentre in Germania i dischi di diamante sono stati 13 con più di 1,25 milioni di dischi venduti. 

L’album, omonimo, che conteneva il singolo vendette 36 milioni di copie in tutto il mondo e diventò la raccolta di maggior successo della cantante. 

Stava prendendo forma una nuova tendenza musicale e la cantante, a sua insaputa, ne era fautrice principale: quella “pop dance” che poi si affermerà negli anni a venire con le produzioni di molti altri artisti.

La critica non accolse bene il singolo nonostante Cher avesse dedicato il disco all’ex marito Sonny Bono morto accidentalmente in un incidente sciistico. Per fortuna della cantante e degli autori del brano le vendite andarono nella direzione contraria.

Un successo tanto incredibile quanto inaspettato, stando a quanto dichiarato da uno degli autori del brano, il commesso Brian Higgins che si è sempre detto allibito dai numeri raggiunti.

Il successo del singolo fece la fortuna soprattutto dell’ingegner Andy Hildebrand, inventore dell’algoritmo alla base del software Auto-Tune dapprima diffamato ma poi divenuto negli anni un must tra cantanti e produttori. Venne infatti utilizzato, tra gli altri, da artisti quali Daft Punk, T-Pain, Kanye West, Future.

In Italia è stata usata come colonna sonora di uno spot di successo dell’azienda telefonica Omnitel, con protagonista Megan Gale e ha avuto un particolare riscontro commerciale, risultando il secondo singolo più venduto del 1999.

Spot Omnitel – Video dell’epoca

Parte del continuo successo di “Believe” si deve inoltre al forte seguito LGBT di Cher, da sempre ritenuta artista iconica dall’intera comunità. Nel testo “forza, potere e speranza. Il fatto che non sia sempre facile essere chi sei”.

La cantante tornerà sul palco con un nuovo tour che partirà da ottobre anticipato dall’uscita del nuovo album nel mese precedente. Se foste curiosi di ascoltare la nuova musica di Cher e restare sempre in contatto lei, vi rimando ai suoi canali ufficiali:

Sito Internet | Facebook | Instagram | Twitter |

Anche per oggi vi abbiamo raccontato tutto! Se questo articolo vi fosse piaciuto, non dimenticate di mettere MI PIACE e CONDIVIDERLO sulle vostre bacheche e/o pagine!

Al prossimo appuntamento nostalgico con #DancePills.

Sasso

Share.

About Author

Lascia un commento